Reddito di cittadinanza: esonerati dal patto di lavoro, le ingiustizie

-
22/09/2019

Reddito di cittadinanza e patto di lavoro, chi saranno gli esonerati secondo le ultime novità? La normativa è ingiusta per i disabili, ecco perchè

Reddito di cittadinanza: esonerati dal patto di lavoro, le ingiustizie

Chi è beneficiario del Reddito di cittadinanza si dovrà impegnare assiduamente nel lavoro con i patti di lavoro con le iniziative di polita attiva del lavoro  e non solo. Infatti, dovrà svolgere gratuitamente attività presso il proprio Comune di residenza, se previsto fino ad un massimo di 8 ore settimanali. Per coloro che si rifiutano è prevista la decadenza del sussidio.

In base a quanto previsto dal decreto in materia, il beneficiario del reddito di cittadinanza si deve impegnare non solo a cercare assiduamente un lavoro ed a riqualificarsi, ma anche a svolgere gratuitamente attività per il proprio Comune di residenza, se previste, sino a un massimo di 8 ore settimanali. Il beneficiario dovrà:

  • dichiarare immediata disponibilità al lavoro;
  • aderire al percorso personalizzato per l’inclusione sociale e lavorativa;
  • offrire disponibilità a lavorare per un massimo di 8 ore settimanale, presso il Comune di appartenenza;
  • frequentare corsi per la qualifica e riqualificazione professionale;
  • essere sempre in cerca di lavoro attivamente;
  • inviare tempestivamente comunicazione di variazione del reddito o della situazione lavorativa;
  • accettare uno dei tre primi tre posti di lavoro che gli verranno offerti, ricordiamo che in base al decreto-legge, un’offerta non può essere considerata congrua se la retribuzione non risulta pari a 858 euro mensili.

Le date della ricarica della carta del RDC, quali sono?

Chi sono gli esonerati dal patto di lavoro?

La normativa prevede alcune eccezioni, color che sono esonerati in quanto disabili (appartenenti a categorie protette) e gli studenti. Inoltre, sono esonerati anche coloro che fruiscono della pensione di cittadinanza e gli over 65. Anche i Caregiver, il beneficiario che si assiste il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3., tale definizione deve risultare dall’ISEE.

Con le ultime novità, sono esonerati anche coloro che si trovano in malattia, le donne in gravidanza e i tirocinanti. Per chi lavora è esonerato se l’attività svolta lo impegna per 20/25 ore settimanale, saranno considerati anche gli spostamenti per recarsi a lavoro.

Reddito di cittadinanza si perde con assegno di invalidità?


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

Reddito di cittadinanza: disabili esonerati, un’ingiustizia

Vi propongo il messaggio che mi è arrivato tramite WhatsApp da un lettore ci scrive:

 Vorrei formulare una protesta Di Maio, perché è giusto che un ragazzo inabile iscritto all’università e percettore del reddito di cittadinanza non rientra tra i soggetti che possono essere avviati al lavoro…? Così ci si sente discriminati e si favorisce il lavoro nero

Carissimo, non immagino nemmeno come lei si possa sentire, e quanto la parola “disabile” possa infierire sul suo percorso e sulla sua grande voglia di fare. Penso che la normativa debba dare possibilità di lavoro anche ai ragazzi che come lei riescono a perseguire una laurea e possono tranquillamente immettersi nel mondo del lavoro in base alle loro capacità. La norma è stata generalizzata, senza pensare quanto sia importante valorizzare il mondo del lavoro con studenti capaci e pronti ad affrontare il mondo.

La ringrazio di avermi scritto e spero che questo messaggio sia recepito da molti.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062