Reddito di cittadinanza: familiari che rientrano nel nucleo e redditi da considerare

-
28/01/2020

Cerchiamo di fare chiarezza sulla composizione del nucleo familiare e su quali redditi bisogna prendere in considerazione per il calcolo dell’importo del reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: familiari che rientrano nel nucleo e redditi da considerare

Quali sono i componenti che fanno parte del nucleo familiare quando si parla di Reddito di cittadinanza? E quali sono sono i redditi da tenere presenti quando si calcola l’importo spettante? Cerchiamo di capire come si interpretano queste due voci per quel che riguarda il nuovo sussidio entrato in vigore dal 2019.

Reddito di cittadinanza e composizione del nucleo familiare

Per calcolare l’importo del reddito di cittadinanza fatto fondamentale e come e da chi è composto il nucleo familiare: sono presenti adulti, minori o persone portatrici di handicap? Quante sono le persone che fanno parte del nucleo familiare del richiedente? E quali devono essere prese in considerazione? Sul calcolo dell’importo finale spettante, infatti, vanno considerati soltanto le persone che fanno parte del nucleo familiare.

Facciamo alcuni esempi.

Il coniuge separato o divorziato non fa parte del nucleo familiare del richiedente se non ha la residenza nella stessa abitazione. Se, invece, anche dopo la separazione o il divorzio l’ex coniuge continua ad avere la stessa residenza del richiedente, allora, deve essere considerato come facente parte del nucleo familiare, anche se fa parte di uno stato di famiglia differente. I coniugi separati o divorziati, infatti, per costituire due nuclei familiari distinti devono avere residenza in due abitazioni diverse.

I figli non conviventi, invece, continuano a far parte del nucleo familiare dei genitori fino ad un’età massima di 26 anni a patto che sia ancora fiscalmente a carico ai genitori e a patto che non sia coniugato e non abbia figli (caso esemplificativo al riguardo sono i figli che studiano all’Università fuori sede pur mantenendo l’appartenenza al nucleo familiare di origine).


Leggi anche: Pensioni, con i fondi integrativi fino a 10 anni di anticipo: ma il sistema fatica a decollare

Reddito familiare: quali voci influiscono sul calcolo?

L’importo del reddito di cittadinanza spettante non è influenzato soltanto dal numero dei componenti del nucleo familiare ma anche dal reddito di ciascuno dei componenti, ovvero dal reddito familiare.

Il reddito familiare, infatti, è la somma dei redditi annuali percepiti da ogni singolo componente del nucleo e vi rientrano i seguenti redditi:

  • redditi derivanti da lavoro dipendente o assimilato
  • redditi a tassazione separata
  • redditi da fabbricati con l’esclusione di quelli derivanti dall’abitazione principale
  • redditi derivanti da lavoro autonomo, d’impresa, ma anche redditi da capitale o di partecipazione agli utili
  • redditi derivanti da prestazione occasionale
  • interessi su depositi o titoli ma solo se superiori a 1032 euro l’anno.