Reddito di cittadinanza le ultime modifiche: con il rifiuto dell’offerta lavorativa decade il sussidio

Per il Reddito di cittadinanza si prevede che l’assegno s i perde al primo no dopo 12 mesi. Ecco tutte le novità

Per il Reddito di cittadinanza sono state previste ulteriore clausole per la decadenza, incluse quelle legate al rifiuto di proposte di lavoro “congrue”, dopo un anno dall’inizio della ricezione del contributo. Indipendentemente se si tratta della prima, seconda o terza offerta: il reddito decade.

Reddito di cittadinanza: Più informazioni

Sono stati confermati gli incentivi previsti per le imprese, ipotesi di una campagna mirata dell’Inps, c’è una nuova regolamentazione delle offerte di lavoro, nel caso in cui si rifiuti una proposta lavorativa oltre un anno dalla recezione del contributo, si perde l’assegno. Queste sono le ultime indiscrezioni che trapelano dal governo, che sta lavorando al decreto che introdurrà le regole per ottenere il reddito di cittadinanza. È previsto che per giovedì prossimo arriverà sul tavolo del consiglio dei ministri il provvedimento, ciò è stato assicurato anche dal vicepremier Luigi Di Maio. Si ricordano anche gli incentivi per 18 mesi previsti per le imprese e la pubblica amministrazione che assumono chi percepisce il sostegno del reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: si perde l’assegno al primo no dopo 12 mesi

Il reddito di cittadinanza verrà erogato per 18 mesi, e potrà essere rinnovato, la novità è l’introduzione di diverse clausole di decadenza come quella che riguarda il rifiuto di proposte di lavoro “congrue”. Questa consiste che la decadenza dell’assegno si avrà anche dopo il primo rifiuto della proposta di lavoro se avviene dopo un anno dalla recezione del sussidio. Si può dedurre che basti una proposta rifiutata per perdere l’integrazione al reddito, facendo riferimento all’andamento registrato con il Rei per la ricerca dell’occupazione molto vicino allo zero. Per offerta congrua di lavoro si intende: per i primi sei mesi una proposta di lavoro entro i 100 km da casa, superati i sei mesi entro i 250 km, la terza proposta riguarda tutto il territorio italiano, tranne per le famiglie con minori o disabili. Chi accetta di trasferirsi avrà per altri 3 mesi l’assegno di sostegno come forma di “compensazione” per le spese di trasferimento. Se si superano i 18 mesi senza alcuna proposta lavorativa si può ottenere il rinnovo.

Reddito di cittadinanza: i tempi e le comunicazioni

Verrà effettuata una campagna informativa da parte dell’Inps per far si che tutte le famiglie in condizioni di difficoltà potranno richiedere il nuovo beneficio. L’Inps potrà scrivere ai potenziali destinatari individuati in base ai dati ISEE che corrispondono ai requisiti per chiedere il reddito di cittadinanza.

Nelle ultime modifiche, si è aggiunto che l’Inps avrà 30 giorni di tempo per predisporre i moduli, per la richiesta del reddito. Il beneficio partirà effettivamente ad aprile, in quanto verrà riconosciuto “dal mese successivo” a quello di presentazione della domanda.

Reddito di cittadinanza: il bonifico per l’affitto e il nodo disabili

La carta con cui verrà erogato il reddito di cittadinanza consentirà anche di effettuare un bonifico mensile per pagare l’affitto. La quota massima di contributo destinata all’affitto sarà:

  • di 280 euro mensili nel caso del reddito
  • di 150 euro mensili nel caso di pensione di cittadinanza.

Invece resta ancora da chiarire gli interventi a favore per le famiglie numerose e per i disabili. La Lega li chiede con insistenza, in quanto non ritiene sufficiente la sola integrazione dell’assegno per 260 euro sulle pensioni di invalidità.

Reddito di cittadinanza: tanti svantaggi per i disabili, la denuncia della FISH

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.