Reddito di cittadinanza o Ape volontario, cosa conviene?

-
30/10/2019

Un lettore ci pone una domanda, forse provocatoria: conviene più il reddito di cittadinanza o l’Ape volontario?

Reddito di cittadinanza o Ape volontario, cosa conviene?

I punti di vista, ovviamente, possono essere discordi, ma si può anche preferire la percezione del reddito di cittadinanza alla richiesta di anticipo pensionistico con Ape volontaria. E’ bene dire, però che non si parla della stessa cosa e che, appunto, i limiti imposti dall’uno non sono presenti nell’altro. Cerchiamo di capire rispondendo ad un quesito.

Reddito di cittadinanza o Ape volontario?

Un nostro lettore ci chiede:

Ma non conviene percepire il reddito di cittadinanza piuttosto che prendere la pensione anticipata con l’ape e mantenere le banche?

Come anticipavo sopra, dipende dai punti di vista. Mentre con l’anticipo pensionistico concesso con Ape volontario, è pur vero che si deve restituire alle banche il prestito ricevuto maggiorato degli interessi al compimento dei 67 anni, è pur vero che si riceve una cifra pari ad una percentuale della vera pensione che spetta che si può spendere come e quando lo si desidera senza vincoli e limitazioni, senza dover presenziare ad incontri presso il centro per l’impiego e senza sentirsi costretti ad accettare il lavoro che, eventualmente verrà proposto nei mesi successivi.

Con il reddito di cittadinanza le cifre corrisposte mensilmente sono abbastanza esigue e possono essere spese soltanto per acquisti approvati dal Ministero e non vietati (ad esempio il reddito di cittadinanza non può essere utilizzato per pagare una vacanza…), si deve eventualmente accettare il lavoro proposto dal centro per l’impiego per non perdere il beneficio e si è tenuti a rispettare determinate regole.

Per accedere all’Ape volontario non sono richiesti limiti reddituali mentre per accedere al reddito di cittadinanza si e quindi, non tutti quelli che voglio accedere all’Ape volontario potrebbero, anche volendo, accedere al reddito di cittadinanza.

A mio avviso la scelta (qualora si potesse fare una scelta) tra le due prestazioni dipende anche dallo stile di vita che si vuol condurre: ovviamente il reddito di cittadinanza non permette sfizi o lussi, mentre con l’Ape sociale, magari, ci si può permettere anche qualcosa oltre quello che il Ministero considera necessario.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Come dicevo all’inizio, dipende dai punti di vista…