Reddito di cittadinanza: si può presentare l’ISEE corrente per aumentare l’importo?

-
18/03/2020

Quando è possibile presentare l’Isee corrente per avere il reddito di cittadinanza calcolato sulla vera situazione economia del nucleo familiare?

Reddito di cittadinanza: si può presentare l’ISEE corrente per aumentare l’importo?

L’importo erogato mensilmente con il Reddito di Cittadinanza dipende da diversi fattori tra cui la dichiarazione Isee. Riferendosi l’Isee 2020 ai redditi percepiti nel corso del 2018 e al patrimonio del 2018, non sempre riesce a restituire la vera situazione economica del nucleo familiare. E’ possibile presentare, quindi, l’Isee corrente per cercare di aumentare l’importo del reddito di cittadinanza?

Reddito di cittadinanza con Isee corrente

Un nostro lettore ci scrive:

Salve , vi scrivo nella speranza che possiate chiarirmi un dubbio , visto che già a dicembre vi ho scritto e siete stati gentilissimi  a risolvermi un quesito. Percepivo fino ad ottobre 2019 un RDC di € 310 , per un nucleo familiare composto oltre che da me , da mia moglie , invalida civile all’80% e da due figli studenti universitari. Prendevo fino ad allora anche la Naspi che è terminata appunto ad ottobre 2019 , in quanto ho perso il lavoro . Come consigliatomi ho presentato un ISEE corrente e infatti le mensilità di dicembre e gennaio mi sono state aumentate a circa € 1000. Ora , con il nuovo ISEE  di gennaio 2020 , il RDC mi è stato dimezzato a € 500 circa. So che esso è riferito ai redditi del 2018 , in cui ho parzialmente lavorato per 8 mesi , ma mi chiedevo se , visto che la situazione dei redditi attuale è la stessa di quando mi era stato aumentato il provvedimento e cioè quando avevo finito di prendere la Naspi , sia possibile , magari con un nuovo ISEE corrente , avere un adeguamento alla situazione reale attuale e non riferita ai redditi di 2 anni fa in cui lavoravo, Mi scuso per essermi dilungato , ma la situazione è piuttosto complessa. Spero in una vostra risposta e chiarimento , visto che al CAAF non sanno che cosa fare. Vi saluto cordialmente e vi ringrazio.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: perchè l’importo è così basso?

L’ISEE corrente permette di aggiornare il valore Isee del nucleo familiare che ha subito un peggioramento a livello economico rispetto a quella del 2018. Per poter presentare l’ISEE corrente, però, deve essersi verificata una variazione del reddito complessivo del nucleo familiare (almeno del 25%) o una variazione delle attività lavorativa o dei trattamenti assistenziali e previdenziali percepiti.

Avendo lei, presentato l’Isee corrente a ottobre, quindi, e ripresentato l’aggiornamento dell’Isee a gennaio per rispettare la scadenza della dichiarazione presentata nel 2019, ora si trova a percepire il reddito di cittadinanza spettante per l’Isee presentato a gennaio.

A mio avviso, quindi, potrebbe presentare un Isee corrente visto che la variazione economica nel suo caso si è verificata nel momento in cui è finita l’erogazione della Naspi a ottobre 2019 allegando alla domanda tutti i documenti che comprovino la variazione del reddito. In questo modo l’INPS terrà conto dell’Isee corrente e non di quello aggiornato a gennaio 2019.