Reddito di cittadinanza sospeso a causa di uno spinello

-
26/12/2019

Reddito di cittadinanza sospeso perchè fumava uno spinello. Leggiamo la storia.

Reddito di cittadinanza sospeso a causa di uno spinello

Non sempre sono le dichiarazioni Isee o il reddito troppo alto a far sospendere il reddito, nel caso che vi stiamo per raccontare la causa della sospensione è stata uno spinello. La vicenda è iniziata con un controllo abbastanza banale quando la Guardia di Finanza ha fermato un giovane che stava fumando uno spinello.

La storia

E’ accaduto in Basilicata ad un giovane di 28 anni arrestato dopo un controllo avvenuto sul litorale jonico mentre l’uomo stava fumando uno spinello. L’atteggiamento schivo durante il controllo ha convinto la Guardia di Finanza a perquisire l’abitazione del giovane dove sono stati rinvenuti 30 grammi di droga oltre a 3600 euro in banconote (probabilmente provenienti da spaccio delle sostanze stupefacenti).

Ma la storia non finisce qui. Posto agli arresti domiciliari con l’accusa di spaccio, è stato scoperto che l’uomo percepiva il reddito di cittadinanza.

E’ stato, quindi, avviato l’iter per la sospensione del beneficio al giovane che rientra, quindi, a pieno titolo tra i furbetti del reddito di cittadinanza.

Acli sul reddito di cittadinanza

Il presidente nazionale dell’Acli si è pronunciato sul reddito di cittadinanza affermando che per combattere la povertà sono state avanzate due proposte che si rivelano, al momento, essenziali: rivedere e revisionare il reddito di cittadinanza e prevedere dei livelli assistenziali di prestazione per mirare gli aiuti alle famiglie con reddito basso.

Secondo Rossini, presidente dell’Acli, il reddito di cittadinanza andrebbe riequilibrato favorendo minori e stranieri ma al fianco del Rdc andrebbe attuato un piano volto a combattere una volta per tutte le povertà assoluta investendo su quelli che sono i due pilastri capaci di misure a lungo termine: la formazione e l’inclusione. Vanno ristudiati, secondo Rossini anche benefici come il bonus natalità e il bonus asilo nido per sostenere le famiglie con nuovi nati nel difficile ruolo di genitore soprattutto in questi tempi di crisi.


Leggi anche: Case all’Asta, boom di pignoramenti immobiliari per il Covid-19: + 63% nel secondo semestre 2020