Reddito di emergenza e Isee: vengono considerati i redditi del 2018?

-
12/05/2020

Reddito di emergenza e Isee ordinario o corrente, ci si chiede quali anni saranno considerati: 2018 o 2019, i chiarimenti.

Reddito di emergenza e Isee: vengono considerati i redditi del 2018?

Il reddito di emergenza farà parte del nuovo decreto, attualmente non è ancora ufficiale, una prima bozza è stata resa pubblica. Il Reddito di emergenza chiamato “Rem”, è una misura a sostegno delle famiglie che non rientrano nelle precedenti agevolazioni. I requisiti richiesti sono:  avere la residenza in Italia;  il reddito mensile deve essere inferiore a quello del “Rem”; il patrimonio mobiliare inferiore ai 10.000 euro (può arrivare fino a 20.000 euro in base alla composizione del nucleo familiare);  reddito Isee inferiore a 15.000 euro. Il Reddito di emergenza sarà erogato per due mensilità (giugno e luglio).

Reddito di emergenza: l’Isee deve essere aggiornato?

Un lettore ci ha posto il seguente quesito: Buona sera mi chiamo L.,  ma l’Isee che si guarda per avere  il Rem è  sul 2018, giusto? Io avevo un bar allora è  da l’ anno scorso che non l’ ho più e ultimamente ero dipendente presso un bar ma ho perso il lavoro causa il COVID… il mio Isee 2018 supera le 15 mila quindi non mi spetta?

L’Isee ha una scadenza e si rinnova annualmente a gennaio di ogni anno. I redditi inseriti nell’ ISEE sono quelli del 2019 mentre i dati dei patrimoni mobiliare e immobiliare da dichiarare sono riferiti al 31 dicembre del secondo anno precedente la data di presentazione della DSU (in questo caso il 2018).


Leggi anche: Pensioni e quota 100: con cristallizzazione anche dal 2022

Quindi, se il suo Isee è aggiornato e supera i 15.000 euro, tetto massimo previsto dalla bozza del decreto, lei non può accedere. Se invece non è aggiornato, allora le conviene rifarlo. Se nel 2020 ha perso il lavoro e ha un Isee aggiornato può richiedere l’Isee corrente.

L’Isee corrente può essere richiesto quando è subentrata  una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo familiare superiore al 25% rispetto alla situazione reddituale individuata nell’ISEE calcolato ordinariamente.

Bisogna precisare che il reddito di emergenza prevede come requisito che il reddito mensile deve essere inferiore a quello che andrebbe a percepire con il Rem.

L’importo previsto per il Rem mensilmente è di euro 400 euro, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza (nucleo familiare), fino ad un massimo comunque non superiore a 800 euro mensili.