Reddito di inclusione, cambiano le regole e gli importi reddito, tutte le novità

Cambiano gli importi per il Reddito di Inclusione Sociale in base al nucleo familiare, l’Inps pubblica tutte le novità.

La legge di bilancio 2018, modifica i requisiti del Reddito di Inclusione (REI) per la composizione del nucleo familiare per l’accesso alla prestazione.

L’INPS, con il messaggio 11 maggio 2018, n. 1972, precisa che l’abrogazione di tali requisiti opererà a partire dalle domande presentate dal 1° giugno 2018 e che le domande presentate nell’anno in corso e fino al 31 maggio saranno sottoposte a riesame d’ufficio.

Incremento del beneficio REI del 10%

Il beneficio economico del ReI, è pari, su base annua, al valore di 3.000 euro moltiplicato per il parametro della scala di equivalenza corrispondente alla specifica composizione del nucleo familiare, al netto delle maggiorazioni, nonché per un parametro pari, in sede di prima applicazione, al 75%.

La norma in parola prevede che la misura sia soggetta, in sede di prima applicazione, a un tetto massimo di erogazione, in quanto l’importo del beneficio non può essere superiore all’ammontare annuo dell’assegno sociale, ha previsto che tale importo sia incrementato del 10%.

Nella seguente tabella si riportano gli importi, annuali e mensili, previsti per il 2018.

Parametri Reddito di Inclusione
 

I parametri della scala di equivalenza corrispondenti al numero di componenti il nucleo familiare, sono i seguenti:

 Numero componenti   Parametro

1                                         1,00

2                                         1,57

3                                         2,04

4                                        2,46

5                                        2,85

Il parametro della scala di equivalenza è incrementato di 0,35 per ogni ulteriore componente il nucleo familiare. Tuttavia, l’applicazione del tetto massimo di importo annuale comporta l’abbattimento dell’importo massimo annuo erogabile ad un nucleo di 6 componenti, nella misura di 6.477,90 euro, e l’effettiva mancata applicazione dell’incremento di 0,35 per ciascun ulteriore componente.

Fonte: INPS

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.