Regime forfetario e possesso di quote societarie, causa ostativa

Regime forfetario e possesso di quote societarie, ancora tanti i dubbi sull’applicazione, analizziamo quando è possibile.

Regime forfetario e quote societarie, sono ancora numerosi i dubbi riguardanti l’applicabilità del nuovo regime forfetario in caso di possesso di partecipazioni di controllo Srl. Più in particolare, la causa ostativa derivante dal possesso di quote in Srl è applicabile solo se il possesso della partecipazione è in grado di assicurare il controllo diretto o indiretto.

Regime forfetario e società in liquidazione

Posto che le società in liquidazione non possono iniziare nuove attività, è improbabile che il contribuente
forfettario sia in grado di trasferire parte del fatturato a tale società; pertanto, la causa inibente non
dovrebbe trovare applicazione (ma manca una conferma ufficiale).

Regime forfetario e nuda proprietà

Anche il possesso della nuda proprietà, nonostante il reddito sia dichiarato solo dall’usufruttuario,
dovrebbe impedire l’ingresso nel regime forfettario.

Partecipazioni all’estero

Per quanto riguarda il possesso di partecipazioni societarie all’estero, si rileva che le società non stabilite
in Italia non rientrano nell’ambito dell’articolo 5 del Tuir, richiamato dalla norma che disciplina la causa
ostativa. Di conseguenza, il possesso di una quota di partecipazione estera potrebbe non impedire
l’applicazione del regime forfetario.

Regime forfetario 2019, requisiti, limiti di ricavi e compensi, chiarimenti

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”