Regime forfetario: il corrispettivo per avviamento non imputabile

-
20/11/2019

Regime forfetario e corrispettivo per avviamento, l’Agenzia delle Entrate ha precisato con  la risposta n. 478/2019 le modalità.

Regime forfetario: il corrispettivo per avviamento non imputabile

Regime forfetario e corrispettivo per avviamento, l’Agenzia delle Entrate ha precisato con  la risposta n. 478/2019 che, in caso di cessione  l’eventuale corrispettivo imputabile ad avviamento non è da considerarsi un plusvalore relativo al singolo bene aziendale, ma è da ritenersi rappresentativo di un valore della capacità reddituale prospettica dell’impresa e, in quanto tale, riconducibile nell’ambito dei ricavi conseguiti.

Regime forfetario e rilevanza fiscale

Pertanto, tale valore avrà rilevanza fiscale e dovrà essere assoggettato a tassazione, facendolo concorrere alla determinazione dei ricavi o compensi percepiti, cui applicare il coefficiente di redditività per determinare il reddito imponibile, oppure optando per la tassazione separata, sussistendone i requisiti.

Regime forfetario: verifica dei requisiti in attesa della legge di Bilancio 2020