Regime forfettario 2019: cosa fare quando si perdono i requisiti? Ecco tutte le novità

-
22/01/2019

l’Inps, con una nota, ha messo in chiaro i tempi da rispettare per inoltrare richiesta del regime agevolato. Ecco tutte le novità

Regime forfettario 2019: cosa fare quando si perdono i requisiti? Ecco tutte le novità

L’INPS ha chiarito alcuni punti in merito alla partita IVA e a regime forfettario 2019. I punti sono le tempistiche delle comunicazioni da inoltrare entro certe date. Questo perché il ripristino del regime ordinario avvenga nell’anno in corso invece del 1° gennaio dell’anno seguente. Il diritto di usufruire delle agevolazioni previste nel regime forfettario si perde l’anno seguente a quello in cui si sono persi i requisiti. Quindi una volta che si è optato per un regime non sarà necessaria alcuna comunicazione in proposito.

Novità importante è quella che si è stabilito come data per comunicare la perdita dei requisiti di accesso al regime previdenziale agevolato il 28 febbraio, e non il 31 dicembre. Questo perché molti titolari di partita IVA non sono a conoscenza della propria situazione a fine anno, quindi la comunicazione che va inoltrata a partire dal 1° marzo in poi avrà come conseguenza il ritorno al regime contributivo ordinario del 1° gennaio dell’anno seguente.

Regime forfettario 2019: perdita requisiti messaggio INPS

L’INPS con il messaggio n. 15 del 3 gennaio 2019 ha chiarito alcuni punti al riguardo il regime contributivo agevolato e come destinatari gli iscritti alla gestione previdenziale degli Artigiani e degli esercenti attività commerciale.

L’INPS nella nota fa riferimento alla legge relativa al contributo agevolato per i soggetti che sono in possesso dei requisiti. Le norme possono essere consultate nella legge 190/2014 all’articolo 1 comma 82 e alle sue successive modifiche, riportate nella legge 208 del 2015. Le indicazioni per il regime agevolato sono state fornite sempre dall’INPS con il messaggio n 1035/2015 e anche con le circolari n. 29/2015 e numero 35 /2016.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Il messaggio mette in evidenza che nel caso in cui l’uscita del regime agevolato si verifichi perché si è venuti meno dei requisiti necessari o perché il contribuente decide di abbandonare il regime agevolato. Il regime ordinario viene ripristinato dal 1° gennaio dell’anno successivo alla presentazione della dichiarazione di perdita dei requisiti oppure della domanda di uscita. Il messaggio dell’INPS è stato necessario per far fronte ad alcune criticità che si erano verificate. In quanto i titolari di partita IVA non erano in grado di stabilire l’eventuale perdita dei requisiti per il 31/12, per questo si è prolungata la dichiarazione slittando entro il 28 febbraio.

Regime forfettario 2019: quando si perdono i requisiti

Il contribuente che usufruisce del regime agevolato può comunicare all’istituto la propria rinuncia a tale regime entro il 28 febbraio dell’anno successivo alla perdita dei requisiti fiscali. Seguendo le indicazioni della circolare INPS, il ripristino del regime contributivo ordinario avverrà entro il 1° gennaio dell’anno stesso. Se invece la comunicazione avviene dopo il 1° marzo il ripristino del regime contributivo avverrà entro il 1° gennaio dell’anno successivo.

Regime forfetario 2019, semplificazioni e requisiti (guida completa)