Riforma bollo auto, possibili aumenti dovuti al pagamento elettronico

-
02/01/2020

Per le certezze sulla Riforma bollo auto è necessario aspettare gli sviluppi dell’Ue. Tuttavia, è possibile che gli automobilisti registrino degli aumenti sul pagamento dell’imposta auto da gennaio 2020.

Riforma bollo auto, possibili aumenti dovuti al pagamento elettronico

Per poter parlare della Riforma Bollo auto è necessario aspettare gli sviluppi dell’Unione Europea, che intervenendo in materia sull’imposta automobilistica, ha assicurato di rivoluzionare il pagamento del bollo, dirigendo il calcolo dell’imposta sulle emissioni, ed eventualmente sui km effettivamente percorsi dagli automobilisti. Tuttavia, dal 1° gennaio 2020, gli automobilisti potrebbero riscontrare degli aumenti durante il pagamento del bollo auto sul circuito elettronico.

Infatti, attraverso il nuovo sistema sistema PagoPa il pagamento del bollo auto avverrà con una procedura standard tramite i servizi di pagamento, oppure, i circuiti PSP che hanno aderito all’iniziativa.

Bollo auto: pagamenti e aumenti

I contribuenti potrebbero riscontrare l’aumento del bollo auto a partire da gennaio 2020, in virtù dell’applicazione del sovrapprezzo imposto dai gestori dei PSP. In sostanza, i servizi di pagamento possono decidere l’importo da applicare al prezzo di bollo, al momento del pagamento. Il che porta all’aumento del bollo auto. Anche se il governo si è impegnato, proponendo una riduzione delle spese di commissioni, in modo da evitare di far pagare agli automobilisti il sopraprezzo sul bollo auto. Tuttavia, tale provvedimento non è ancora visibile nel comparto legislativo. Per cui è possibile che gli automobilisti riscontrino un aumento del pagamento del bollo auto rispetto al 2019, attraverso l’uso dei canali del sistema PagoPa, quali:


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

  • sito, oppure, app dedicata all’Ente per il pagamento del bollo auto, attraverso l’uso di carte come: carta di credito, PayPal, Satispay, Bancomat e così via;
  • attraverso i servizi di pagamento PSP, come appunto: banche, Poste, Sisal-Pay, Lottomatica e così via;
  • in contanti (forse) fino al 30 giugno 2020, decreto Milleproroghe.

PagoPA: il pagamento del bollo auto 2020 potrebbe slittare

Con l’entrata in vigore del Decreto Fiscale 2020, anche il pagamento del bollo auto ha subito una piccola rivoluzione. Infatti, gli automobilisti dal 1° gennaio 2020, dovranno provvedere al versamento del bollo attraverso il sistema PagoPA. In sostanza, si tratta del circuito di pagamento della Pubblica Amministrazione. Ma, nel decreto Milleproroghe, è presente un provvedimento che potrebbe allungare la tempistica della riforma spostandola al 30 giugno 2020. Ciò vuol dire che, per l’applicazione effettiva della norma passerebbero altri 6 mesi, quindi, il pagamento del bollo potrebbe avvenire anche attraverso l’uso dei contanti.