Riforma pensione: con la quota 100 si sta peggiorando la legge Fornero?

-
30/07/2018

Riforma pensione: con la quota 100 si sta peggiorando la legge Fornero?

Sono molti i lettori che ci scrivono preoccupati penchè pensano con la riforma delle pensioni in atto  la quota 100 e la pensione con 41 o 42 anni di contributi andranno in qualche modo ad intaccare la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia o alla pensione anticipata con le “vecchie modalità”.

Abbiamo già tranquillizzato molti lettori con precedenti articoli: Pensione anticipata 2019: possibile smontare legge Fornero in 1 anno?

Oggi vogliamo riportare la mail che ci è arrivata da un lettore per evidenziare quanto la cattiva informazione a tal proposito stia solo creando confusione nei cittadini creando oltre che dubbi anche molto sconforto:

“Buongiorno, 

Sono, a dir poco, veramente indignato,mi pare che con le pensioni tutti continuino a giocare! Nel mio caso, come in quello di molti altri, le proposte che vedo avanzare con estrema faciloneria sarebbero nefaste, mi spiego meglio. a novembre 2018 compiro’  59 anni ed avrò versato 42 anni tondi di contributi, con l’attuale legge andrei in pensione a marzo 2020 con 43 anni e 3 mesi di anzianità mentre con le riforme proposte (quota 100 con almeno 64 anni di età) dovrei lavorare sino al novembre del 2023, quasi 4 anni in più! Tutto pensavo ma non che si potesse peggiorare le legge fornero. 

Sto capendo bene o le informazioni che ci arrivano sono distorte? 
grazie per la disponibilità .”
 
Anche se non si può dar torto sulla “faciloneria” con cui si interviene in materia previdenziale forse le conseguenze nefaste che vede non sono proprio così nefaste. Come abbiamo spiegato in precedenti articoli la quota 100 sarò un’optional, una scelta che il lavoratore potrà compiere per accedere alla pensione se non ha i contributi necessari per accedere alla pensione anticipata, che Quota 100dal prossimo anno richiederà 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne, o non ha l’età anagrafica per accedere a quella di vecchiaia. Diciamo una facilitazione per accedere prima alla pensione, per chi vuole. Opzione come a suo tempo sono state l’Opzione donna, l’Ape sociale e l’Ape volontaria. Chi vuole aderire aderisce, chi non vuole aspetta le canoniche forme di pensionamento. 


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

Lei ad esempio, è molto più vicino alla pensione anticipata e aderirà a quella, non è obbligato ad attendere la quota 100, e come lei tutti gli altri lavoratori. Il governo, fino ad ora, non ha mai sostenuto che si tratta di un’obbligo, ma son di un’opzione. Quindi stia tranquillo, accederà alla sua pensione anticipata nel 2020, così come stabilito.
 
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]