Riforma pensione: perchè si deve aspettare per accedere alla quiescenza?

-
04/09/2019

Quali alternative di pensionamento offre la riforma pensioni per un precoce con 39 anni di contributi maturati? Vediamole.

Riforma pensione: perchè si deve aspettare per accedere alla quiescenza?

Le varie riforme pensione hanno introdotto diverse misure che permettono la quiescenza prima del compimento dei 67 anni necessari per accedere alla pensione di vecchiaia. Per poter accedere, però, ognuno ha bisogno di soddisfare i requisiti richieste dalle specifiche misure per poter lasciare il mondo del lavoro alla volta della pensione. Una nostra lettrice ci chiede: Buongiorno sono la Signora O. non capisco una cosa io ho iniziato a lavorare quando avevo 15 anni ho 54 anni perché devo aspettare ancora quattro anni per andare in pensione???? Grazie buona giornata

Pensione quota 41

Con 54 anni e 39 anni di contributi potrebbe, essendo una lavoratrice precoce con almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età, potrebbe accedere al pensionamento con la quota 41 dedicata proprio ai lavoratori precoci e che richiede soltanto 41 anni di contributi. Per poter accedere a questa misura, per la quale le mancherebbero al momento 2 anni di contributi, è necessario appartenere ad una delle categorie tutelate che sono: lavoratori disoccupati, lavoratori invalidi, caregiver, usuranti e gravosi.

Se non rientra in nessuna di queste categorie di lavoratori, purtroppo, non può accedere alla pensione con la quota 100 e dovrà attendere necessariamente di maturare i 41 anni e 10 mesi di contributi necessari per le donne per accedere alla pensione anticipata con requisiti Legge Fornero. In questo caso, se ha maturato già 39 anni di contributi, le mancherebbero soltanto 2 anni e 10 mesi di contributi da versare e non dovrà, quindi, attendere 4 anni per il pensionamento. Altre alternative, al momento, per lei non ne vedo per poter uscire dal lavoro con anticipo rispetto alla pensione di vecchiaia.


Leggi anche: Cashback e lotteria degli scontrini 2021: concorsi da migliorare per la Corte Dei Conti