Riforma pensione Quota 100, cosa cambia per i dipendenti pubblici

-
30/12/2018

Riforma pensione Quota 100, il decreto previsto per i primi di gennaio 2019, cosa cambia per i dipendenti pubblici? Le novita’

Riforma pensione Quota 100, cosa cambia per i dipendenti pubblici

Il decreto della pensione Quota 100 sara’ pubblicato il 10 – 12 gennaio 2019, mancano pochi giorni e si avranno certezze. Molti i dubbi su questa misura, un nostro lettore ci chiede quando puo’ presentare domanda:

Buongiorno, alcune notizie generiche date x sicure e attuazioni pratiche nebulose. Pur apprezzando gli sforzi dell’attuale governo noi si vive nalla incertezza del futuro; a marzo 2018 ho compiuto 62 anni e in agosto 2018 ho maturato 38 anni di servizio tra privati e stato. sono un dipendente del ministero della giustizia (comparto funzioni centrali) , quando presumibilmente potrò presentare domanda di quiescenza tenuto conto come da contratto dello obbligo di preavviso di 4 mesi? Grazie.

Quota 100: requisiti e finestre di uscita per i dipendenti pubblici

Come sopra riportato, la misura pensionistica Quota 100, non e’ ancora effettiva, e’ ancora allo studio, da indiscrezioni il decreto sara’ presentato il 10 – 12 gennaio 2019. La misura dovrebbe essere operativa a febbraio 2019 e le prime uscite dal lavoro previste dal primo aprile 2019. Potranno fare domanda a febbraio, coloro che hanno maturato i requisiti di 62 anni di eta’ e 38 anni di contributi entro il 31 dicembre 2018. 

Previste quattro finestre per i dipendenti privati, una ogni 3 mesi, per i dipendenti pubblici sono state previste 2 finestre di uscita, uno ogni 6 mesi. 

Quindi, in risposta al nostro lettore, lei potra’ fare domanda appena la misura sara’ effettiva e uscire dal lavoro con la prima finestra utile per il settore pubblico, che si prevede sia luglio 2019. 


Leggi anche: Riforma pensione Quota 100, il decreto a gennaio e prima uscita ad aprile 2019