Riforma pensione Quota 100, per i requisiti a fine 2021, si può accedere?

La pensione Quota 100 sarà sperimentale, e sarà valida dal 2019 al 2021, quindi solo per tre anni. Analizziamo il quesito di un nostro lettore:

Salve,  il primo novembre 2021, maturo 39 anni di contributi  e 62 anni di età. Potrò fruire di quota 100? Grazie Saluti

Pensione quota 100 per i requisiti fine 2021

Il decreto riforma pensioni, contiene la pensione Quota 100, con i seguenti requisiti: 62 anni di età anagrafica e minimo 38 anni di contributi. Sono previste delle finestre di uscita diverse tra i dipendenti pubblici e privati. Per i dipendenti privati la prima uscita è dal 1° aprile 2019 per chi ha maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2018, chi matura i requisiti dopo il 31 dicembre, deve attendere tre mesi dalla maturazione dei requisiti. Per i dipendenti pubblici la prima data di uscita è il 1° luglio 2019 per chi ha maturato i requisiti entro il 31 marzo 2019, per chi matura i requisiti dopo questa data, dovrà attendere sei mesi dalla maturazione dei requisiti.

Quindi, in risposta al nostro lettore, se lei matura i requisiti a novembre 2021, sia che faccia parte del settore privato o del pubblico, lei non potrà aderire alla Quota 100, in quanto non maturano i 3 o 6 mesi dai requisiti, salvo eventuale proroga della misura.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all’originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”