Riforma pensioni: andrò con quota 100 o con pensione di vecchiaia?

-
20/10/2018

Quota 100 o pensione di vecchiaia per chi non soddisfa il requisito dei 38 anni di contributi pur possedendo il requisito anagrafico richiesto dalla nuova misura?

Riforma pensioni: andrò con quota 100 o con pensione di vecchiaia?

Sono nata il 4 luglio  del 1953 ed ho 35  anni e 9 mesi di contributi  per me  quota 100 si  applica? oppure vado in pensione a 67 anni cioè  a luglio 2020?

 

La riforma delle pensioni che introduce la quota 100 non è una quota 100 secca e lei, pur raggiungendo la somma 100 con età anagrafica e contributi non vi potrà accedere poichè il governo ha fissato dei paletti anagrafici e contributi che andranno rispettati entrambi per accedere alla nuova misura.

Per potersi pensionare con la quota 100, infatti, bisognerà avere un’età anagrafica di 62 anni unitamente a 38 anni di contributi. Lei pur possedendo abbondantemente il requisito anagrafico non riesce a soddisfare quello contributivo per il quale le mancano più di 2 anni.

Tra poco più di un anno e mezzo, tra l’altro, riuscirà ad accedere alla pensione di vecchiaia raggiungendo i 67 anni di età, molto prima di soddisfare i requisiti richiesti per la quota 100. 

Rispondendo alla sua domanda, quindi, andrà in pensione a luglio 2020 con la pensione di vecchiaia.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]