Rimborsi su conto corrente dall’Agenzia dell’Entrate, ecco la procedura

-
17/12/2018

Nel caso in cui si è creditori, di importi da parte dell’Agenzia dell’Entrate, è possibile ricevere tali importi sul proprio conto corrente. Ecco cosa fare

Rimborsi su conto corrente dall’Agenzia dell’Entrate, ecco la procedura

Come ricevere i rimborsi sul conto corrente da parte dell’Agenzia dell’Entrate? Analizziamo insieme la procedura.

Di solito sono i contribuenti a versare importi nei confronti dell’Agenzia dell’Entrate, ma a volte ci sono casi in cui è l’Agenzia che deve restituire degli importi al contribuente.

Il contribuente, tramite la presentazione di una richiesta, può ricevere gli importi dovuta dall’Agenzia dell’Entrate direttamente sul proprio conto corrente.

Il modello che va presentato, deve essere completo di tutti i dati richiesti. In particolare i dati relativi al conto corrente intestato o cointestato al beneficiario del rimborso. Importante riportare il codice Iban. Per i conti correnti esteri va segnalato la denominazione della banca, il codice BIC e l’IBAN (se UEM) oppure le coordinate bancarie (se extra UEM) e l’indirizzo della banca.

L’agenzia dell’entrate mette a disposizioni due tipi di modelli da presentare per il rimborso sul proprio conto corrente: uno per le persone fisiche (modello Rich. Accre. per Fisiche) e uno per soggetti diversi (Modello Rich. Accred. per Sogg. Div.).

Dati da comunicare in sicurezza

La comunicazione dei dati del proprio conto corrente per il rimborso da parte dell’Agenzia dell’entrate può essere effettuato in due modi:

  • Tramite la procedura on line;
  • Presentazione dell’apposito modello presso un qualsiasi Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate, corredato dalla fotocopia di un documento d’identità valido.

Dati per l’accredito su conti esteri

Per ottenere l’accredito su un conto corrente straniero, bisogna fornire i seguenti dati:

  • Denominazione della banca;
  • Intestatario del conto;
  • Codice BIC e l’IBAN (se UEM) o le coordinate bancarie (se extra UEM);
  • Indirizzo della banca.


Leggi anche: Pensioni anticipate dai 62 anni: le novità sulla ipotesi contributiva e lo stop dei sindacati

Appuntamento con l’Agenzia delle Entrate, senza inutile attese, con la nuova App