Rimborso 730 in busta paga: cosa significa la scritta ‘residuo’?

-
16/07/2020

Perchè in busta paga può capitare che il rimborso del 730 non avvenga in un’unica soluzione? Cosa significa la dicitura “residuo” che si trova in busta paga?

Rimborso 730 in busta paga: cosa significa la scritta ‘residuo’?

A tutti coloro che hanno presentato la dichiarazione dei redditi con modello 730 nel 2020 spetta, nel caso siano a credito, il rimborso dell’Irpef in busta paga. Il rimborso Irpef è riconosciuto dallo Stato ed avviene, per i lavoratori dipendenti, direttamente in busta paga. Ad anticiparlo è il datore di lavoro (per i dipendenti pubblici è il Tesoro). Per chi sceglie, invece, il rimborso tramite Agenzia delle Entrate, questo avverrò in un’unica soluzione ma con un certo ritardo rispetto a quello percepito in busta paga. Cerchiamo di capire come avviene il rimborso del 730 in busta paga e perchè, in alcuni casi, viene erogato in più tranche.

Rimborso 730 in busta paga: in che modalità?

Una lettrice, piuttosto preoccupata, scrive:

Buona sera, volevo sapere per favore,  io ho fatto fare il modello 730 entro 31 maggio,  ma sulla busta paga di giugno ho visto che mi è stato versato la metà del rimborso, l’altra metà c’è la cifra scritta in busta paga ma con scritto RESIDUO,  cosa vuol dire?

Anche se il datore di lavoro anticipa il rimborso ai propri dipendenti in busta paga, per lui non rappresenta un costo visto che gli importi erogati a titolo di rimborso ai dipendenti vengono, poi, sottratti dalla sezione erario della delega F24.


Leggi anche: Pensione casalinghe INPS con almeno 57 anni: a chi spetta nel 2021, a che età ed a quanto ammonta 

Quando il rimborso Irpef dei dipendenti è molto alto, però, può accadere che la somma di Irpef che il datore di lavoro deve pagare quel mese non copra l’intero importo.In questo caso, il datore di lavoro si trova costretto a rateizzare il rimborso dei dipendenti. Il rimborso spettante e non ancora erogato sarà riportato nella busta paga come credito residuo.

La voce Residuo, quindi, che trova in busta paga riferita a metà del rimborso spettante sta a significare che quell’importo lo deve ancora ricevere e che lo riceverà nelle buste paghe successive. Non si deve assolutamente preoccupare, è una prassi comune e che, purtroppo, non dipende dalla volontà del suo datore di lavoro ma dalla normativa che regola il rimborso Irpef spettante.

Per approfondire consiglio la lettura dell’articolo: Rimborso 730 in busta paga, è tassato?