Rimborso Ryanair: come chiederlo e a chi spetta

-
24/03/2020

Come può il cliente Ryanair chiedere il rimborso del biglietto quando il volo risulta in ritardo, cancellato o quando si smarriscono i bagagli? Ecco come fare.

Rimborso Ryanair: come chiederlo e a chi spetta

La compagnia Ryanair è una delle migliori società irlandesi dal prezzo accessibile ai clienti, affidabile da tutti i punti di vista. Tuttavia, in questo articolo non vi parleremo della quotazione della compagnia, né tantomeno dei 152,4 milioni di passeggeri trasportati nel 2019, e delle loro recensioni positive. Ma, porremo uno sguardo attento sulla possibilità di richiedere un rimborso o un risarcimento in tempi celeri. Può sembrare un’iniziativa fuori luogo quella d’informarsi su un rimborso prima di volare, ma per chi è in procinto di partire per lavoro, vacanza, tour turistico, prima di acquistare un biglietto aereo deve calcolare tutte le variabili, tra cui la possibilità di richiedere il rimborso in tempi super celeri.

Non a caso, corri di qua voli di là, può capitare di doversi scontrare con imprevisti, disagi, ritardi prolungati, bagaglio danneggiato e la cancellazione del volo. Un serio problema che può pregiudicare una fase lavorativa, rischiare di compromettere la vacanza, oppure, potrebbe saltare quella responsabilità familiare che pregiudica i rapporti comuni. Insomma, qualsiasi sia il disagio la compagnia Ryanair lo tampona in meno di 7 giorni.  Ecco alcuni passaggi da rammentare nel caso in cui, nasca l’esigenza d’inoltrare la domanda  per ricevere un indennizzo, oppure, un risarcimento del biglietto del volo Ryanair.

Come richiedere il rimborso del biglietto Ryanair quando il volo è stato cancellato?

Il cliente che si trova dinanzi a un volo cancellato, può scegliere tra il rimborso del biglietto, il risarcimento, oppure, può cambiare il volo cancellato con un altro volo disponibile. In quest’ultimo caso, non sono previsti a carico del cliente ulteriori costi aggiuntivi.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Quando è possibile richiedere il rimborso totale del biglietto Ryanair cancellato? Nel caso cui il volo sia stato cancellato, oppure, in presenza di un ritardo di oltre 5 ore, il cliente può presentare una richiesta di rimborso alla società. La quale, entro 7 giorni dalla richiesta ripagherà il cliente dell’intero costo del biglietto. Oppure, l’acquirente può avvalersi del supporto legale di ItaliaRimborso, uno staff che lavora per colmare i vari disservizi a fianco dei clienti.

Quando si applica il rimborso per ritardo del volo?

Nel caso in cui il volo non rispetti l’orario di partenza (indicato nel biglietto) ma sia in ritardo, il passeggero può richiedere il rimborso del biglietto in presenza delle seguenti condizioni, quali:

  • oltre 3 ore di ritardo, per tratte che risultino inferiore a 1500 chilometri, al cliente spetta un rimborso pari a 250 euro;
  • oltre 3 ore di ritardo, per tratte aeree intracomunitarie che risultino essere maggiori di 1500 chilometri, al passeggero spetta un rimborso pari a 400 euro;
  • oltre 3 ore di ritardo, per le tratte aeree incluse tra 1500 e 3500 chilometri, al cliente spetta un rimborso pari a 600 euro.

Che cosa significa risarcimento del biglietto aereo?

Con il rimborso il cliente riceve la restituzione dell’importo del biglietto, mentre attraverso il risarcimento il cliente prende una compensazione pecuniaria. Si tratta, di un risarcimento calcolato su base forfettaria in virtù del disagio, dovute alla confusione aerea come, appunto: ritardo, cancellazione o sovrapprenotazione.

Nel caso di risarcimento di diritti dei passeggeri vengono disciplinati dal Regolamento comunitario 261 del 2004.

Cosa si ottiene con il risarcimento e in quali circostanze si può richiedere?

In linea generale, il cliente può richiedere il risarcimento del biglietto, in presenza di un ritardo di oltre 3 ore del volo, cancellazione, overbooking, perdita o danneggiamento del bagaglio. Nel caso di un notevole ritardo di oltre 5 ore, il passeggero può richiedere sia il risarcimento, che il rimborso totale del biglietto aereo. Una postilla va fatta, l’eccezione riguarda l’eventuale subentro di “circostanze eccezionali”, ossia cause non imputabili alla compagnia aerea, ma dovute ad esempio a: scioperi, perturbazione atmosferica, e così via.


Potrebbe interessarti: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Nel caso in cui la società riconosca il risarcimento del biglietto il cliente riceve una somma che può oscillare da 250 fino a 600 euro. In sostanza, si tratta di una compensazione calcolata sul chilometraggio della tratta aerea. Anche le spese extra possono essere richieste a titolo di rimborso.

Cosa comporta la rinuncia al volo? Nel caso in cui il cliente considerato un ritardo di oltre 5 ore, oppure una cancellazione del volo, chieda la rinuncia al volo e il rimborso del biglietto. In questo caso, è possibile che la compagnia esegua solo il rimborso, e non proceda con l’eventuale richiesta di compensazione pecuniaria.

Come presentare la domanda per richiedere il risarcimento o il rimborso del biglietto Ryanair per volo cancellato?

Il cliente che si trova in una delle ipotesi sopra descritte, può richiedere la restituzione dei soldi versati per l’acquisto del biglietto o il risarcimento, avanzando un’istanza attraverso ItaliaRimborso al numero 06-56548248, oppure Whatsapp al 3421031477 o un’email a [email protected], allegando i seguenti documenti, quali:

  • dati personali (carta d’identità, passaporto ecc.);
  • biglietto del volo;
  • carta d’imbarco (boarding pass);
  • breve descrizione dei fatti accaduti;
  • scontrini, fatture e ticket.

La società chiarisce che sarà presa in carico una domanda per ogni prenotazione.

Perché è importante richiedere il rimborso o il risarcimento attraverso il servizio ItaliaRimborso?

La società ItaliaRimborso analizza la pratica in modo rapido, avvalendosi di legali convenzionati, pronti e disponibile a risolvere ogni problema che ha riscontrato il cliente. Senza richiedere ulteriori costi aggiuntivi, quindi, tutti i servizi vengono concessi in forma totalmente gratuita.

Il cliente per richiedere il rimborso deve semplicemente completare il form, seguendo semplici passaggi, quali:

  • indicare tutti i dati personali (nome, cognome, email e numero di telefono);
  • il tipo di disagio;
  • il numero del volo;
  • la data del disagio.

ItaliaRimborso entro 24 ore, esaminerà la richiesta e, provvederà a espletare la pratica.

Il cliente riceverà un’email contenente le istruzioni dettagliate sui documenti da inoltrare a ItaliaRimborso. La società informerà il cliente della tempistica e dell’ammontare dell’indennizzo dovuto.

ItaliaRimborso, trasmetterà un codice pratica al cliente, necessario per seguire l’avanzamento dello stato della richiesta. Il codice dovrà essere inserito nella pagina dedicata al tracciamento delle pratiche.

ItaliaRimborso garantisce un percorso guidato fino alla chiusura della pratica.