Riscatto laurea fino ad un massimo di 5 anni, con agevolazioni al 50%

Riscatto laurea fino ad un massimo di 5 anni, con agevolazioni al 50%, ecco cosa prevede il decreto.

Il decreto su quota 100 e reddito di cittadinanza ha introdotto la possibilità di valorizzare gli anni
dell’università ai fini previdenziali. È prevista la possibilità agevolata di riscatto per gli anni del corso di laurea, con un meccanismo identico a quello già in uso per gli “inoccupati”.

È consentito colmare eventuali buchi contributivi, fino a un massimo di 5 anni, per periodi nei quali si è lavorato ma non in regola con i versamenti previdenziali.

Il limite per usufruire di queste agevolazioni è l’anno 1996, ossia quando ha debuttato il sistema
contributivo di calcolo della pensione.

Riscatto laurea e agevolazione al 50%

Novità sul riscatto Laurea sono state introdotte dal DL 4/2019. Le novità riguardano la possibilità di un riscatto laurea a prezzo agevolato per gli under 45 o di fruire di detrazioni al 50% per coloro che non hanno contributi maturati prima del 1 gennaio 1996.

E’ proprio su questa seconda agevolazione, però, che bisogna fare attenzione.

Cosa accade se, pur non avendo contributi al 1 gennaio 1996, riscatto gli anni di laurea relativi al periodo che va dal 1994 al 1999?

Per tutte le informazioni consigliamo di leggere: Riscatto laurea con detrazione al 50%: attenzione agli anni di studio

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”