Riscatto servizio di leva: gli anni del padre possono essere riscattati dal figlio?

-
12/10/2019

Un figlio può fruire del riscatto del servizio militare del proprio padre ai fini pensionistici? Vediamo come funziona.

Riscatto servizio di leva: gli anni del padre possono essere riscattati dal figlio?

Torniamo a parlare del riscatto dell’anno di servizio di leva ai fini pensionistici cercando di capire chi può essere beneficiario dei contributi figurativi, validi al diritto e alla misura della pensione, derivanti dall’apposita domanda da presentare. I periodi di servizio militare, obbligatorio o volontario, prestato nelle Forze Armate Italiane, compresa l’Arma dei Carabinieri, e quelli ad esso equiparati sono utili, a domanda dell’interessato, per determinare il diritto e la misura di tutti i trattamenti pensionistici, esclusi quelli a carattere assistenziale.

Riscatto servizio militare

Un nostro lettore ci chiede:

Gli anni del servizio militare del padre gli aspetta al figlio?

La risposta purtroppo è no, come ogni contributo ai fini previdenziali anche quelli derivanti dal riscatto dell’anno di servizio di leva obbligatoria possono essere utilizzati solo da chi ha effettivamente espletato il servizio in questione.

Nella domanda di riscatto da presentare all’INPS, infatti, vanno indicati i periodi richiesti e il distretto o l’ufficio militare di appartenenza.
Successivamente l’Inps provvederà a richiedere direttamente la documentazione probatoria al Distretto o l’Ufficio militare indicato dall’interessato.

I contributi figurativi per il servizio di leva, quindi, possono essere accreditati solo per il proprio servizio militare e non possono essere utilizzati quelli, eventualmente, non richiesti dal proprio genitore.


Leggi anche: Fondi pensione e previdenza integrativa sempre più importanti: cosa sono, come funzionano