Risparmi su conto corrente e conti deposito, cosa succede se ritorniamo alla lira?

-
01/04/2020

Una possibile uscita dalla zona Euro aprirebbe la porta alla Lira. Ma a che prezzo? Quali conseguenze su conto corrente, stipendi, pensioni, titoli e inflazione. I capitali sarebbero dirottati all’estero.

Risparmi su conto corrente e conti deposito, cosa succede se ritorniamo alla lira?

Quali conseguenze subirebbero i risparmi sul conto corrente e conto deposito, se ritornasse la cara vecchia Lira? Si sta (forse) aprendo uno spiraglio per l’ingresso della Lira? Cosa conviene fare restare nella zona Eurolandia, oppure, tuffarci indietro nelle amate vecchie lire? Un argomento che ha generato sempre un acceso dibattito: tanti pro, se e ma. Stringendo il sacco, a pochi sono chiare le inevitabili conseguenze, che potrebbero sorgere nel momento in cui, si abbandonerebbe l’euro per ritornare alla Lira. C’è da dire che un dietrofront così repentino è un’ipotesi poco credibile.

Tuttavia, supponiamo di ritornare alla cara vecchia lira, l’intero iter non sarebbe immediato. Ma, occorrerebbero svariati mesi per avviare il procedimento del Parlamento. Bisognerebbe, rimodulare l’intero sistema in tutte le sue forme. Una procedura non impossibile, ma neanche molto semplice. Difficile, quindi, pensare di che nel giro di pochi giorni, si prelevano 500 euro e, se ne ricevono un milione di lire (più o meno).

Bisogna considerare gli effetti a catena che deriverebbero dal ritorno della lira, i primi a soffrire: gli istituti di credito. Perché? Sarebbero esclusi dal sistema interbancario europeo. Inoltre, è necessario mettere in conto le ripercussioni sul commercio internazionale (import ed export). Infine, potrebbe incidere sull’occupazione.

Quali ripercussioni subirebbe il conto corrente con il ritorno della Lira?


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Le prime ripercussioni nell’abbandonare l’euro per far ritorno alla vecchia lira, le subirebbero le banche, in quanto, verrebbero estromesse dal mercato interbancario europeo. Un vero colpo per gli istituti di credito.

Cosa comporterebbe quest’effetto?  Una banca con un crollo di liquidità ripercuote la cinghia sul credito. Stringendo la morsa sui risparmiatori, quindi, serrati i mutui, prestiti a rischio le attività commerciali. E, il crollo di aziende produttive, che potrebbero vedersi chiudere le porte per l’accesso al credito, con l’effetto di licenziamenti del personale per tirare avanti.

Per i mutui già in essere il ritorno della lira si trasforma in una batosta, in quanto, le rate aumenterebbero. Rammentiamo che la lira entrerebbe svalutata. Un accordo firmato in euro, si traduce in rate che spingono in salita, lo stesso discorso vale per i tassi di interessi che non fruirebbero dei benefici della Bce.

L’intervento dello Stato potrebbe essere radicale, con la nazionalizzazione degli istituti di credito.

Gli effetti sui risparmi presenti sul conto corrente con il ritorno della Lira?

La Banca d’Italia si dovrebbe adeguare al ritorno della lira e ristampare un enorme mole di monete. Al fine di supportare il debito pubblico. Con la conseguenza che l’inflazione spiccherebbe il volo e, produrrebbe un aumento del costo della vita. Il che si traduce in una perdita d’acquisto per gli italiani, il primo effetto ricadrebbe sui prodotti esteri il cui prezzo salirebbe vertiginosamente. Identico discorso per le bollette, luce e gas le cui che aumenterebbero per l’effetto della moneta svalutata.

L’inflazione intaccherebbe anche i titoli garantiti dallo Stato con la conseguenza di una svalutazione del valore.


Potrebbe interessarti: Canone Rai: come ottenere il rimborso procedura e modulo

La lira entra i capitali escono 

I risparmiatori che detengono forti somme di capitali, prima del passaggio definitivo da euro a lira spingerebbero i propri denari in direzione dei conti esteri. In sostanza, banche prive di soldi in Italia e capitali all’estero. Si stima che la svalutazione della lira in confronto all’euro potrebbe aggirarsi sul 30%, un percentuale che varia in base alla stima stilata.