Rottamazione – adesione agevolata 2016 – 2000/17, la prima e quarta rata il 31 luglio 2018

Rottamazione cartelle esattoriali, con adesione agevolata 2016 e adesione agevolata 2000/17, analizziamo in breve la prossima scadenza al 31 luglio 2018. Rottamazione – Definizione agevolata 2000/17 Il 31 luglio 2018 è il termine ultimo fissato dalla legge per il pagamento della prima o unica rata della Definizione agevolata, prevista dal decreto legge n. 148/2017, per i carichi affidati all’Agente della riscossione […]

Rottamazione cartelle esattoriali, con adesione agevolata 2016 e adesione agevolata 2000/17, analizziamo in breve la prossima scadenza al 31 luglio 2018.

Rottamazione – Definizione agevolata 2000/17

Il 31 luglio 2018 è il termine ultimo fissato dalla legge per il pagamento della prima o unica rata della Definizione agevolata, prevista dal decreto legge n. 148/2017, per i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017. Consulta la Comunicazione delle somme dovute che hai ricevuto per verificare le date di scadenza del tuo piano.

Inoltre, Il 31 luglio 2018 è il termine ultimo per il pagamento delle rate scadute al 31 dicembre 2016 di eventuali piani di rateizzazioni in essere al 24 ottobre 2016. Pertanto, se hai ricevuto la Comunicazione (identificata con la lettera C8), ricordati di effettuare il pagamento necessario per poter accedere al beneficio della Definizione agevolata, come previsto dal decreto legge n. 148/2017.

Fisco: Rottamazione bis 2018, se non pago cosa succede? Posso aderire alla Pace fiscale?

Rottamazione – Definizione agevolata 2016

RottamazioneIl 31 luglio scade anche la quarta rata della Definizione agevolata prevista dal decreto legge n. 193 del 2016(il cui termine di pagamento, inizialmente fissato al 30 aprile è stato posticipato dal decreto legge n. 148/2017). Consulta la sezione dedicata del nostro portale.

Il decreto legge n. 148/2017, convertito con modificazioni dalla Legge n. 172/2017, prevede alcune importanti modifiche al calendario dei pagamenti relativi alla Definizione agevolata 2016.

Innanzitutto, la norma stabilisce che il 7 dicembre 2017 è stato il termine ultimo per:

  • pagare la rata scaduta il 30 novembre, se prevista dal proprio piano di Definizione agevolata;
  • regolarizzare la propria situazione, nel caso di mancato o incompleto pagamento delle prime due rate in scadenza a luglio e settembre 2017, versando gli importi dovuti senza ulteriori addebiti. Una volta saldate le rate scadute ed effettuato il pagamento dell’eventuale terza rata, si potrà riprendere il piano di Definizione agevolata, scelto nella domanda di adesione.

Il mancato, insufficiente o tardivo pagamento, oltre tale termine, fa perdere i benefici della “rottamazione” e l’Agenzia delle entrate-Riscossione dovrà, come previsto dalla legge, riprendere le procedure di riscossione.

Inoltre, la Legge n. 172/2017:

  • riammette ai benefici previsti dalla Definizione agevolata, senza ulteriori adempimenti, anche chi ha pagato in ritardo le rate in scadenza a luglio e settembre, che potrà quindi proseguire con i pagamenti previsti dal proprio piano;
  • posticipa al 31 luglio 2018 la scadenza dell’eventuale quarta rata, inizialmente prevista ad aprile 2018.

Resta invece invariato il termine per il pagamento della quinta rata in scadenza, ove dovuta, al 30 settembre 2018.

Per effettuare i pagamenti è necessario utilizzare il bollettino Rav riferito alla rata in scadenza ricevuto insieme alla “Comunicazione delle somme dovute”, successivamente alla presentazione della domanda di adesione alla Definizione agevolata.
Il bollettino che riporta l’indicazione della rata in scadenza al 30 aprile 2018, può essere pagato entro il 31 luglio 2018, come previsto dalla Legge n. 172/2017. 

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.