Rottamazione cartelle esattoriali entro il 15 maggio, ecco come presentare la domanda

-
07/05/2018

Rottamazione cartelle esattoriale entro il 15 maggio, tutto quello che c’è da sapere: chi può presentare e come presentare la domanda.

Rottamazione cartelle esattoriali entro il 15 maggio, ecco come presentare la domanda

Per la rottamazione cartelle esattoriali c’è tempo fino al 15 maggio per richiedere l’adesione.  IL Dl 148/2017 permette ai contribuenti di poter pagare gli importi dovuti senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora.Il Dl 148/2017 , inoltre, stabilisce che rientrano nell’ambito della rottamazione i carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017.

I vantaggi della definizione agevolata

Con la definizione agevolata, i contribuenti possono cancellare i propri debiti, senza pagare interessi, sanzioni e more.  Non rientrano nella definizione agevolata i carichi non rottamabili in base alla legge (art. 6, comma 10, del D.L. n. 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016)  e i carichi interessati da una precedente rottamazione che è stata accolto dall’Agente della riscossione o rigettato perché non rottamabile. Per le multe stradali non si pagheranno gli interessi di more e le maggiorazioni.

Come e a chi presentare la domanda di rottamazione cartelle esattoriali

Per aderire alla definizione agevolata delle cartelle esattoriali bisogna compilare il modello DA 2017 e inviarlo entro il 15 maggio 2018. I metodi di presentazione sono i seguenti:

  • Inviare il modulo alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione, debitamente compilato con allegato la copia del documento di identità, tramite una propria casella pec.
  • Presentare agli Sportelli di Agenzia delle Entrate-Riscossione il modello Da 2017 compilato in ogni sua parte, stampato e fermato.

Chi può ripresentare la richiesta

Per i contribuenti che hanno visto respingere la loro richiesta di rottamazione, perché non erano in regola con le rate scadute al 31 dicembre 2017 per la dilazione in corso al 24 ottobre 2016, possono inviare una nuova richiesta di rottamazione, compilando il modello DA  2000/17, sempre entro il 15 maggio.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Dopo la presentazione della domanda cosa succede?

Il contribuente entro i 30 giugno 2018 riceverà una comunicazione, dell’Agenzia dell’Entrata, con l’ammontare complessivo delle somme da pagare per la definizione agevolata 2017,  le date di scadenza e i bollettini di pagamento o l’eventuale rifiuto.

Leggi anche le scadenze: Rottamazione bis: le date da ricordare