Rottamazione cartelle esattoriali, in arrivo gli importi da pagare, la pace fiscale sanerà anche chi non paga?

Rottamazione cartelle esattoriali, in arrivo gli importi da pagare, in molti si pongono la domanda se la pace fiscale sanerà tutti i debiti?

Rottamazione cartelle esattoriali 2018, stanno per essere spedite circa un milione di lettere con le quali saranno indicati gli importi da pagare, scaglionati secondo le rate prescelte dai contribuenti che hanno presentato istanza di adesione entro il 15.05.2018.
In altri termini, sono interessate dalla sanatoria circa 4,5 milioni tra cartelle esattoriali e avvisi di accertamento esecutivo.

Per evitare di dimenticare la scadenza delle rate da pagare, abbiamo riassunto in breve le date da ricordare, in quest’articolo: Rottamazione bis: le date da ricordare

Aderito alla rottamazione arriva fermo amministrativo, cosa fare?

Anche se è stata presentata l’istanza di definizione delle liti pendenti e pagato le prime due rate, ad alcuni contribuenti, sono arrivati  preavvisi di fermo o comunicazione di pignoramento presso terzi, abbiamo spiegato in quest’articolo cosa fare nel dettaglio, in questi casi: Rottamazione cartelle, se arrivano avvisi di fermo amministrativo e pignoramento, ecco cosa fare

Cosa prevede la pace fiscale

autotutelaIn molti ci chiedono se non si riescono a pagare le rate della rottamazione, si può aderire alla pace fiscale? Per il momento non è stato presentato nessun decreto e non se ne conoscono le modalità attuative. 

La Pace fiscale o nuova rottamazione, entrerà in vigore da luglio è stata inserita nel contratto di Governo. 

La misura, può diventare un efficace aiuto ai cittadini in difficoltà ed il primo passo verso una “riscossione amica” dei contribuenti”. 

Prevede che il contribuente in debito con il Fisco, abbia la possibilita di saldare il suo debito  pagando una percentuale minima dell’importo della cartella Equitalia.

Per sanare le liti con il Fisco, il calcolo avverrà sulla base della specifica situazione economica del contribuente interessato dalla misura secondo tre scaglioni di aliquote: 6, 10 e 25%. Verrà considerata anche la situazione del contribuente sia reddituale che familiare: eventuali figli minori a carico, immobili di proprietà e, ovviamente, situazione lavorativa, ecc.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.