Rottamazione cartelle esattoriali: ultimi giorni per aderire alla definizione agevolata, scadenza 15 maggio

-
14/05/2018

Ultimi giorni per rottamare i debiti esattoriali.

Rottamazione cartelle esattoriali: ultimi giorni per aderire alla definizione agevolata, scadenza 15 maggio

Il contribuente ha ancora pochi giorni utili prima della scadenza definitiva per aderire alla definizione agevolata, chiamata comunemente rottamazione delle cartelle esattoriali. L’ultimo giorno è fissato nella data: 15 maggio 2018. L’Agenzia delle entrate-Riscossione, attraverso un comunicato stampa, ha rammentato le scadenze relative alla chiusura della definizione, a tutti i contribuenti che intendono avvalersi della rottamazione per pagare il debito in modo ristretto, solo della parte dell’imposta.

Infatti, l’ultimo giorno utile fissato per la presentazione della richiesta di rottamazione è domani. Tutti i contribuenti possono aderire all’agevolazione pagando solo l’importo del debito, vengono infatti defalcati dalla somma totale le sanzioni e gli interessi di mora. Discorso diverso per le multe stradali, dove vengono tagliati gli interessi di mora e gli eventuali incrementi se fissati per legge.

Utilizzando il servizio dedicato dell’Agenzia delle entrate-Riscossioni online è possibile presentare la richiesta in qualsiasi ora del giorno di domani, quindi non è necessario fare la fila agli sportelli.

Come presentare la domanda aderire alla rottamazione?

È necessario collegarsi al sito dell’Agenzia e compilare il modulo DA 2000/17, con utilizzo delle seguenti credenziali:

  • PEC (posta elettronica certificata), trasmettendo il modulo DA2000/17;
  • online “Fai D.A. te”, accedendo all’area pubblica direttamente dal portale di Agenzia delle entrate-Riscossione, entro il 15 maggio, non oltre le ore 23:59;
  • attraverso un professionista esperto nel settore;
  • recandosi presso uno degli sportelli dell’Agenzia delle entrate-Riscossione presenti sul territorio italiano, per presentare il modulo di richiesta di rottamazione.


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Quali debiti si possono rottamare?

Il decreto legge n. 148/2017 convertito con modificazioni dalla Legge n. 172/2017, precisa che si possono rottamare tutti i debiti dal 1 gennaio 2000 al 30 settembre 2017. Non rientrano nell’istanza i debiti presentati nella precedente rottamazione non pagati, ai sensi del D.L. 193/2016.

Per qualsiasi informazione è possibile consultare il sito online dell’Agenzia delle entrate-Riscossioni oppure richiedere assistenza telefonica al numero 06.0101. Inoltre, accedendo al canale YouTube dell’Agenzia delle entrate-Riscossione è possibile visionare i video-tutorial con tutte le indicazioni di come procedere alla definizione agevolata.

Rottamazione Bis: Oggi 12 Maggio, Sportelli Aperti Per La Scadenza Del 15 Maggio, Ecco Dove