Rottamazione-ter, ecco le FAQ da Agenzia delle Entrate

-
01/11/2018

Con il decreto fiscale 119/2018 collegato alla legge di bilancio 2019 è stato introdotto la cd. rottamazione ter che permette di estinguere i debiti iscritti

Rottamazione-ter, ecco le FAQ da Agenzia delle Entrate

Con il decreto fiscale 119/2018 collegato alla legge di bilancio 2019 è stato introdotto la cd. rottamazione ter che permette di estinguere i debiti iscritti a ruolo contenuti negli avvisi e nelle cartelle di pagamento attraverso il versamento delle somme dovute senza, però, corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Questo, però, ha comportato dei dubbi e così l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha pubblicato le FAQ per rispondere ai principali quesiti.

Le informazioni da sapere

Come prima cosa è stato precisato che l’art. 3 del Decreto Legge n. 119/2018 stabilisce che è possibile mettersi in regola pagando le rate scadute di luglio, settembre e ottobre 2018 entro il prossimo 7 dicembre. Quindi,chi paga nei termini rientra automaticamente nei benefici previsti dalla “Definizione agevolata dei carichi affidati all’Agente della riscossione” dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 (cd “rottamazione-ter”). Non c’è bisogno di dare comunicazione all’Agenzia delle Entrate.
Inoltre, chi ha pagato non solo rientra automaticamente nei benefici previsti dalla cd“rottamazione-ter” pertanto Agenzia delle entrate-Riscossione, senza alcun ulteriore adempimento, ma dovrà inviare al contribuente entro il 30 giugno 2019 una nuova “Comunicazione” con il differimento dell’importo residuo da pagare relativo alla Definizione agevolata 2000/17 (cd “rottamazione bis”) ripartito in 10 rate di pari importo (5 anni) con scadenza il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno, a partire dal 2019.


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

Facciamo attenzione

In caso di omesso, insufficiente o tardivo versamento delle rate della Definizione agevolata 2000/17 (cd “rottamazione-bis”) in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018, entro il prossimo 7 dicembre, per gli stessi carichi non si potrà più accedere alla nuova Definizione agevolata (cd“rottamazione-ter”). Agenzia delle entrate-Riscossione, dunque,dovrà riprendere le procedure di riscossione.

Altre cosa da sapere

In seguito, è stato chiesto cosa succede nel caso in cui il contribuente abbia pagato in ritardo rispetto alla scadenza prevista (31 luglio, 30 settembre, 31 ottobre) le rate del piano della Definizione agevolata. L’Agenzia delle Entrate-Riscossione risponde che le precedenti scadenze del 31 luglio, del 30 settembre e del 31 ottobre sono state differite, dal D.L. n. 119/2018, al 7 dicembre 2018. Quindi, tutti i pagamenti effettuati per le predette rate, entro il 7 dicembre, sono considerati tempestivi. In caso di pagamento delle rate scadute è necessario utilizzare i bollettini delle rate di luglio, settembre e ottobre 2018 allegati alla “Comunicazione delle somme dovute” già inviata da Agenzia delle entrate-Riscossione. E’ bene, pertanto vistare il sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it nell’area riservata, che non necessita di pin e password personali, è possibile chiederne copia compilando l’apposito form online. Infine, per pagare le rate scadute della Definizione agevolata 2000/17 sono disponibili i seguenti canali:

• portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it;
• App EquiClick;
• sportelli bancari;
• uffici postali;
• home banking;
• punti Sisal e Lottomatica;
• tabaccai convenzionati con Banca 5;
• sportelli bancomat (ATM) che hanno aderito ai servizi CBILL;
• Postamat;
• compensazione con i crediti commerciali nei confronti della Pubblica amministrazione;
• sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione.