Rottamazione ter: la rata del 28/02 si può pagare entro il 4 marzo

-
02/03/2020

La rata della rottamazione ter scaduta il 28 febbraio si può ancora pagare entro il 4 marzo, ecco perché e cosa bisogna fare.

Rottamazione ter: la rata del 28/02 si può pagare entro il 4 marzo

La scadenza della rata della rottamazione ter con scadenza 28 febbraio è pagabile senza sanzioni e interessi entro il 4 marzo. Sono stati inseriti 5 giorni di tolleranza che permettono di pagare la rata con più calma. Va ricordato che dopo il 4 marzo si decade dal beneficio e l’Agenzia delle Entrate procede con il recupero delle somme dovute comprese interessi e sanzioni. In alcuni regioni la rata della Rottamazione cartelle esattoriali scadente il 28 febbraio è stata sospesa per emergenza Coronavirus.

Rottamazione: le regioni esonerate

Le regioni interessate sono:

LOMBARDIA

  • Bertonico (LO)
  • Casalpusterlengo (LO)
  • Castelgerundo (LO)
  • Castiglione D’Adda (LO)
  • Codogno (LO)
  • Fombio (LO)
  • Maleo (LO)
  • San Fiorano (LO)
  • Somaglia (LO)
  • Terranova dei Passerini (LO)

VENETO

  • Vo’ (PD)

Il pagamento per le altre regioni non è cambiato, la tolleranza dei cinque giorni può essere considerata su tutte le rate della rottamazione senza nessuna penalizzazione.

Va ricordato che il pagamento in ritardo (oltre i cinque giorni di tolleranza) o omesso fa decadere dal beneficio della rottamazione cartelle esattoriale e l’agenzia delle entrate procederà al recupero delle somme a debito. Le rate eventualmente pagate saranno considerate in acconto dalla somma totale da pagare, compresa di interessi e sanzioni.

Le scadenze prossime per ciascun anno sono così suddivise


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Le scadenze successive della rottamazione cartelle esattoriale per ciascun anno sono:

  • 28 febbraio
  • 31 maggio
  • 31 luglio
  • 30 novembre