Saldo e stralcio: rata in scadenza, i contributi Inps valgono?

-
15/11/2019

Saldo e stralcio: la sanatoria dei debiti con l’Inps scade il 30 novembre (unica o prima rata). Ci si chiede se i contributi cos’ pagati sono utili alla pensione.

Saldo e stralcio: rata in scadenza, i contributi Inps valgono?

Con l’adesione alla misura “Saldo e Stralcio ai sensi dell’art. 1, co. 184 e ss della legge 145/2018, è stato possibile sanare i contributi previdenziali non pagati, utili per il raggiungimento del requisito contributivo per la pensione dei lavoratori autonomi e dei professionisti. Molti i contribuenti che si chiedono se il valore dei contributi sanati e se saranno utilizzati ai fini del calcolo dell’assegno pensionistico. Analizziamo cosa prevede la normativa, rispondendo alla domanda di un nostro lettore.

Saldo e stralcio: contributi previdenziali

Gentile personale buongiorno.
Ho circa 70 anni di età con 17 di contributi. A causa di problemi economici relativi all’azienda familiare che conducevo, per diversi anni ho dovuto sospendere il pagamento dei Contributi Inps e nel 2014 ho dovuto chiudere l’attività.

Mi trovo con una situazione abbastanza gravosa con circa 200 mila euro di debiti di varia natura e quindi con diverse cartelle debitore a carico.

Qualche mese fa ho aderito al Condono in oggetto facendo Istanza entro il 30 aprile, esclusivamente per la parte contributiva relativa alle cartelle INPS che mi consentirebbero di coprire i rimanenti 3 anni di contributi per percepire la pensione.

Dispongo di un Isee che mi consente di aderire al Saldo e Stralcio al 16%, quindi pagando circa 5000€ riuscirei a sanare 3 anni di debiti relativi a contributi Inps di un ammontare di circa 18000€.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza, reddito di emergenza e cassa integrazione, dati boom per il Covid: novità e aggiornamenti Inps sugli ultimi pagamenti

Vi pongo il seguente quesito. Pagando questa somma in forma ridotta al 16% estinguo il debito contributivo e maturo il diritto a percepire la pensione? Restano pochi giorni per il versamento del bollettino, mi conviene pagare? In attesa di Vostra cortese risposta porgo cordiali saluti.

Scadenze 

Il “Saldo e Stralcio”,  riconosce nei confronti di soggetti aderenti, la facoltà di estinguere con oneri ridotti le cartelle esattoriali, in presenza di una condizione di difficoltà economica, accertata dall’ISEE oppure dall’avvio della procedura di liquidazione dei beni per sovraindebitamento.

In base alla scelta effettuata, se il pagamento in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019, oppure in 5 rate così suddivise:

  • 35% con scadenza il 30 novembre 2019;
  • 20% con scadenza il 31 marzo 2020;
  • 15% con scadenza il 31 luglio 2020;
  • 15% con scadenza il 31 marzo 2021;
  • il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

Il tasso d’interesse che sarà applicato sul pagamento a rate è del 2% annuo a decorrere dal 1° dicembre 2019.

Contributi accreditati utili al pensionamento

Verranno accreditate le somme effettivamente pagate.  In riferimento ai tempi di accredito bisogna considerare la scelta di pagamento che intende effettuare il contribuente. Se paga in un’unica soluzione, quindi entro il 30 novembre 2019, l’istanza di debito si risolve con il pagamento e l’ente previdenziale potrà procedere all’accredito delle somme versate.

Nel caso di pagamento a rate, la situazione cambia, se si decide di pagare in 5 rate; si considera definitiva quando viene pagato l’ultima rata, e quindi, il 31 luglio 2021, dopo tale data l’ente potrà accreditare tutte le somme pagate e chiudere definitivamente la posizione debitoria con il contribuente.


Potrebbe interessarti: Bonus affitti 2021 e blocco degli sfratti, per proprietari di immobili fino a 1200 euro: cos’è, come funziona e requisiti

Dal punto di vista previdenziale chi utilizzerà il Saldo e Stralcio rischierà una pesante riduzione della copertura previdenziale. La riduzione sarà su due fronti, sia ai fini del diritto che della misura della pensione. Questo accade in quanto non è prevista la copertura da parte dell’INPS o delle Casse Professionali della cifra originariamente dovuta e non versata a titolo di contribuzione IVS.

Il mio consiglio è quello di pagare, inoltre, visto la scadenza alle porte, le conviene rivolgersi all’Inps e illustrare la sua situazione prossima alla pensione. Purtroppo, su quest’aspetto l’Inps non è intervenuta con un chiarimento tale da appianare tutti i dubbi.