Sanatoria bollo auto: arriva con la Pace Fiscale

Con la nuova legge di Bilancio è in arrivo la pace fiscale e con essa lo stralcio dei debiti fino a 1.000 euro, quindi anche le mini cartelle che comprendono la tassa automobilistica non pagata.

Il Governo quindi ha previsto l’annullamento automatico di tutte quelle cartelle di importo inferiore ai 1.000 euro che riguardano vecchi debiti per multe, bollo auto ed imposte locali. E quindi si può dedure che nella pace fiscale, è inclusa la sanatoria bollo auto. Il periodo incluso in cui l’automobilista non ha pagato la tassa di circolazione è tra il 2000 ed il 2010.

La procedura di stralcio è tutta automatica, il contribuente non dovrà far nulla, sarà la stessa Agenzia dell’Entrate Riscossione che provvederà all’annullamento e il debito sarà saldato senza la rottamazione e senza pagare nessuna percentuale allo Stato.

bollo auto verifica pagamento

Bollo auto: che cos’è e a chi va pagato

Il bollo auto è una tassa nazionale che va pagata alla Regione di residenza ed è una tassa di possesso, quindi non è necessario utilizzare il veicolo per pagare ma solo possederla. La tassa va versata, per questo, anche se si tiene l’auto ferma in garage.

L’importo del bollo auto va calcolato sulla potenza del veicolo, alla classe ambientale e alla tariffa in atto nella Regione di residenza. In futuro è previsto l’introduzione del bollo europeo che verrà calcolato in base ai chilometri percorsi.

Bollo auto europeo e nuovo calcolo: chi pagherà di più?

Bollo auto: se non si paga?

Il pagamento del bollo auto deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo alla data indicata nel tagliando di pagamento. Per le auto di nuova immatricolazione, il pagamento, va effettuato in base alla data di immatricolazione. Se l’auto viene immatricolata entro i primi 15 giorni del mese, il bollo auto va pagato per fine mese, se invece viene immatricolata entro gli ultimi 15 giorni, si ha tempo fino alla fine del mese successivo. La ricevuta di pagamento va conservata per ben 5 anni, poiché va presentata se malauguratamente il bollo non risulta pagato e questo è l’unico modo per mostrare che il pagamento è stato effettuato.

È previsto la cancellazione del veicolo dal Pra, se il bollo auto non viene pagato per tre anni consecutivi. Il veicolo viene cancellato entro 30 giorni dal registro automobilistico, la Motorizzazione civile predispone il ritiro della targa e della carta di circolazione. Per poter sanare la situazione e riattivare la circolazione del veicolo bisogna pagare quanto dovuto con tanto di sanzioni ed interessi. Se il mancato pagamento riguarda un breve periodo, si può procedere con il ravvedimento operoso, cioè con una sorta di mini condono sulla sanzione.

Bollo auto 2018 evasione pagamento prescrizione entro i tre anni

Bollo auto: Sanatoria con la rottamazione

Recentemente è stata messa in atto una sanatoria bollo auto che consentiva di risparmiare una parte del debito ma non di cancellare del tutto la cartella relativa alla tassa automobilistica.

Questa procedura consisteva nel dare la possibilità di sanare nel 2017 tutte le somme dovute per il bollo auto fino alla fine del 2016. In questa sanatoria erano compresi gli importi contenuti nelle ingiunzioni di pagamento emesse da enti locali che non si erano rivolti alle società di riscossione.

L’agevolazione consisteva nell’annullare le sanzioni e gli interessi, ma si doveva pagare la sorte capitale, gli interessi dell’agente della riscossione, l’aggio sulle somme da versare ed il costo della notifica della cartella di pagamento.

Rottamazione cartelle 2018 e bollo auto non pagato, ancora poche ore per aderire, tutte le informazioni

Bollo auto: sanatoria con la pace fiscale

Sta per arrivare la sanatoria bollo auto, bisogna però stare attenti e controllare bene le cartelle ricevute. Bisogna controllare se la cartella riguarda proprio il pagamento del bollo auto non effettuato, verificando nell’elenco delle causali e degli importi dovuti, la data di iscrizione a ruolo. Per far sì che la cartella rientri nella sanatoria bollo auto, la data deve essere compresa tra il 2000 ed il 2010. In questo caso sarà l’ente di riscossione che la cancellerà automaticamente, una volta approvata la Legge di bilancio 2019.

La legge di Bilancio 2019 dovrà essere approvata per fine anno. Ma nel frattempo sta riscuotendo molte critiche dall’Europa e anche dalla Banca Centrale Europea presieduta da Mario Draghi, quindi non è detto che tale legge verrà approvata come è stata oggi presentata e quindi che la sanatoria del bollo verrà approvata per la fine dell’anno.

Bollo auto, attendere la pace fiscale e evitare il contenzioso è possibile?

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.