Separazione e casa coniugale: può essere trasferita gratis al coniuge

-
11/01/2020

Separazione dei coniugi e casa coniugale, è possibile il trasferimento gratuito all’altro coniuge inserendo nell’atto di separazione una clausola precisa.

Separazione e casa coniugale: può essere trasferita gratis al coniuge

Una nota dolente nelle separazioni o divorzio è la casa coniugale, specialmente quando si è comproprietari di entrambi i coniugi. La domanda a cui risponderemo in quest’articolo, riguarda la possibilità di cedere la casa coniugale all’altro coniuge in modo gratuito.

Separazione e casa coniugale

Quando si è comproprietari di una casa coniugale e con la separazione si intende di offrire il bene interamente all’altro coniuge, è consigliato inserire la donazione negli accordi di separazione. La clausola che prevede il trasferimento dell’intera proprietà dell’immobile in capo all’altro coniuge a titolo gratuito deve essere presentata al giudice nell’atto di separazione.

Questa situazione è anche vantaggiosa dal punto di vista fiscale, e non vi saranno problemi in trasferimenti futuri. Si tratta di un atto gratuito nel quale è assente la causa liberale, che sarà ben individuata con l’intervento dei professionisti.

Contratto a titolo gratuito

Ricordiamo che il contratto a titolo gratuito, diversamente al contratto a titolo oneroso, è una tipologia di contratto che a seguito di una prestazione non si riceve un vantaggio finanziario, economico o patrimoniale.

Separazione e agevolazioni prima casa

Sempre in sede di separazione un argomento che preoccupa sono le agevolazioni fiscali ottenute per l’acquisto sulla casa coniugale. In merito è intervenuta la Commissione tributaria provinciale di Ravenna con la sentenza numero 115/2018, nella quale afferma che è possibile continuare a  beneficiare dell’agevolazione “prima casa” nel caso di separazione tra i coniugi, il trasferimento dell’immobile, acquistato in costanza di matrimonio, è avvenuto prima della decorrenza di 5 anni dal rogito e senza aver acquistato un nuovo bene nell’anno. Tuttavia, è necessario che l’alienazione costituisca adempimento di un obbligo previsto nell’accordo di separazione consensuale omologato.

Leggi anche: Mutuo casa cointestato: in caso di separazione cosa fare? Ecco le soluzioni