Separazione e divorzio: l’assegno mantenimento deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi?

-
29/09/2019

L’assegno di mantenimento all’ex coniuge può essere dedotto dal reddito solo a determinate condizioni: vediamo quali.

Separazione e divorzio: l’assegno mantenimento deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi?

Torniamo a parlare di separazione, divorzio e di assegno di mantenimento all’ex coniuge e alla possibilità di indicare le somme versate a titolo di mantenimento nella dichiarazione dei redditi. Permettono una detrazione o una deduzione? Vediamo quali sono i benefici per l’ex coniuge che mantiene l’altro.

Assegno di mantenimento e dichiarazione dei redditi

Un nostro lettore ci scrive:

Salve, versando un assegno di mantenimento ad un coniuge di 400 euro mensili,,x un totale di 4800 annui..dichiarandolo nel 730..quando viene rimborsato al coniuge che l ha versato? Grazie

Con la sospensione del vincolo matrimoniale il coniuge più “forte” economicamente è chiamato al mantenimento di quello che versa in difficoltà economiche tramite l’assegno mensile o l’una tantum.

Per entrambi gli ex coniugi, qualora sussistano i presupposti dell’erogazione dell’assegno di mantenimento, ci sono però delle conseguenze a livello fiscale.

Il coniuge che paga l’assegno di mantenimento, infatti, può dedurre dal proprio reddito l’intero importo annuale corrisposto a titolo di mantenimento così come stabilito dall’articolo 10, comma 1, lettera c del DPR numero 917 del 1986.

Non si tratta di una detrazione, quindi, da cui potrebbe risultare un rimborso, ma di una deduzione dal reddito imponibile (si pagheranno, quindi, le tasse su un reddito minore).

Il coniuge che, invece  beneficia dell’assegno di mantenimento, al tempo stesso sarà tenuto ad indicare nella dichiarazione dei redditi la somma ricevuta dall’ex coniuge. Tale somma si aggiunge al reddito del coniuge che la riceve e su cui sarà tenuto a pagare le tasse.

Ma attenzione tali somme sono deducibili ai fini IRPEF solo a seguito di separazione o divorzio e solo se la corresponsione delle somme sia indicata nel provvedimento del giudice in sede di separazione o divorzio.

Se un ex coniuge versa un assegno di mantenimento per accordo stragiudiziale tali somme non sono deducibili poichè possono essere dedotte dal reddito solo le somme stabilite da una sentenza del Giudice.