Soldi: limite di utilizzo dei contanti si applica a prelievi e versamenti?

-
17/03/2020

Quali sono i rischi di subire un’indagine per prelievi o versamenti dal e sul proprio conto corrente?

Soldi: limite di utilizzo dei contanti si applica a prelievi e versamenti?

Dopo l’annuncio che il Fisco può effettuare controllo per gli imprenditori che prelevano o versano più di 1000 euro al giorno o più di 5000 euro al mese, la preoccupazione che anche i prelievi e i versamenti dei privati cittadini possa portare ad un controllo fiscale è lecito. Il limite sopra citato non si applica ai privati cittadini.

Prelievi e versamenti, quali limiti

Appurato che esiste un limite all’utilizzo dei contanti che dal 1 luglio 2020 passerà a 2000 euro, è bene chiarire che tale limite in si applica per  prelievi dal proprio conto corrente o per versamenti sullo stesso. Il limite, infatti, è imposto per legge solo allo scambio tra soggetti diversi ma non quando i soldi restano sempre di proprietà della stessa persona (da contanti a versamento o da conto corrente a prelievo).

Si possono, quindi, prelevare dal proprio conto corrente anche più di 2000 euro in una sola volta e, di conseguenza, si possono depositare anche più di 2000 euro sul proprio conto corrente.

Anche se non esiste un limite ai prelievi e ai versamenti  quando nello stesso mese si prelevano più di 10mila euro la banca potrebbe chiedere dei chiarimenti sull’uso che si intende fare del denaro (per la legge antiriciclaggio). In ogni caso, è bene sapere che la dichiarazione resa alla banca,  per prelievi di importo pari o superiore a 10mila euro in un mese,  sarà inviato alla Unità Informazioni della Banca d’Italia che valuterà la sussistenza di un reato. In un giro molto contorto, quindi, se si prelevano più di 10mila euro in un mese si potrebbe (ipotesi assai remota se si è sicuri di avere le carte in regola) essere soggetti ad un’indagine. Per questo motivo è sempre bene conservare un documento scritto che attesti l’utilizzo di tali somme per rispondere ad eventuali contestazioni delle autorità.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus