Speciale pensioni, Legge 104, TFS, Mutuo, Canone RAI, Conto corrente, Visita fiscale, RdC, ANF, tutte le novità della giornata

-
18/09/2019

Rassegna di oggi su: Speciale pensioni, Legge 104, TFS, Mutuo, Tassa sui prelievi, Conto corrente, Canone RAI, Visita fiscale, RdC, ANF, tutte le novità della giornata

Speciale pensioni, Legge 104, TFS, Mutuo, Canone RAI, Conto corrente, Visita fiscale, RdC, ANF, tutte le novità della giornata

Rassegna oggi 18 settembre 2019, su: Speciale legge 104; Speciale pensioni; TFS; Mutuo casa e surroga; Reddito di cittadinanza e doppia auto; conto corrente a zero spese; Tassa sui prelievi con bancomat; Visita fiscale e certificato medico con indicazione dell’esonero; ANF – assegni familiari e conferma di ricezione pratica; tutte le novità della giornata.

Speciale legge 104

Trasporto 

Non sempre le persone con disabilità hanno a disposizione un familiare che le accompagni alle visite mediche, alle terapie o semplicemente per fare una passeggiata nel tempo libero. Molti disabili, inoltre, fanno molta fatica a utilizzare i trasporti pubblici e per questo motivo alcuni Comuni hanno messo a disposizione un servizio gratuito di trasporto per i cittadini disabili. Leggi qui la notizia completa: Servizio trasporto disabili: lo prevedono tutti i Comuni?

Canone RAI esenzione con legge 104

Esenzione canone Rai: un lettore ci pone la seguente domanda: Buongiorno sono invalido al 100% con la legge 104 in gravità cioè articolo 3 coma 3. Vorrei capire se ad ora posso avere l’esenzione del canone RAI. Grazie Leggi qui la risposta: In pensione 10 anni prima con la RITA, ecco per chi

TFS

L’erogazione del TFS/TFR nel pubblico impiego senza dubbio è una nota dolente per i dimissionari che cessano l’attività lavorativa per qualunque motivo. I tempi di erogazione sono molto lunghi e variano in base alla motivazione che ha portato alla cessazione del rapporto di lavoro. Vediamo il caso della nostra lettrice che ha cessato l’attività lavorativa per raggiunti limiti di età. Leggi qui la notizia completa: TFS pubblico impiego: quando per cessazione raggiunti limiti di età?


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

Mutuo casa

Negli ultimi anni molti mutuatari hanno aggiornato il loro contratto di mutuo alle nuove condizioni di mercato, ed ora si ripresenta di nuovo l’occasione. La BCE ha introdotto nuove politiche che favoriscono i mutuatari o chi è in procinto di stipularne uno. I tassi, anche se già hanno raggiunto i minimi storici, sono ancora destinati a scendere, e mal che vada resteranno su questi limiti ancora per un bel po’. Il mercato, anticipando le mosse espansive della Bce, nelle ultime settimane ha ribassato gli indici Euribor (questi sono utilizzati per calcolare ogni mese l’importo delle rate dei mutui variabili) e gli indici Eurirs (che bloccano, per tutto il periodo del contratto, il tasso fisso). Leggi qui la notizia completa: Mutuo casa: come procedere per la surroga dopo le nuove disposizioni della BCE

Reddito di cittadinanza

Esaminiamo i requisiti richiesti per poter accedere alla misura inserita nel decreto-legge n. 4/2019 dal Governo (Di Maio – Salvini). Possono fare richiesta del reddito di cittadinanza italiana i nuclei familiari con un valore ISEE non superiore a 9 mila 360 euro, inoltre bisogna avere anche altri requisiti specifici economici e patrimoniali. Inoltre, chi richiede il Reddito di Cittadinanza non può aver dato le dimissioni volontarie nei precedenti 12 mesi, mentre non ha nessuna rilevanza se ciò è stato effettuato da un altro componente del nucleo familiare. Leggi qui la notizia completa: Reddito di cittadinanza disabile 2019 e doppia auto

Speciale pensione

Quota 41

Per accedere alla pensione con la quota 41 è necessario, oltre al possesso dei 41 anni di contributi, dei 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età, anche l’appartenenza ad una dei profili di lavoratori tutelati, ovvero caregiver, disoccupati, invalidi, gravosi e usuranti. Vediamo quando va presentata la domanda per accedere al beneficio. Leggi la notizia completa: Pensione anticipata quota 41:quanto tempo prima presentare domanda?


Potrebbe interessarti: Bonus Bici e monopattino 2020: come funziona e quando arrivano i soldi, da oggi 14 gennaio 2021 ripartono le richieste di rimborso

È possibile accedere alla pensione Quota 41 se si è nella condizione di lavoratore precoce (ha maturato almeno un anno di contributi prima del diciannovesimo anno di età) e ha maturato un requisito contributivo di 41 anni indipendentemente dall’età anagrafica. Oltre questi requisiti, per poter accedere a questa misura, viene richiesto che il  lavoratore si trovi in una delle categorie di tutele: disoccupato che ha finito da almeno tre mesi di percepire la Naspi; lavoratore che assiste da almeno sei mesi il familiare con handicap grave; lavoratore con un’invalidità certificata uguale o superiore al 74 per cento; lavoratore che svolge mansioni usuranti e gravose. Leggi la notizia completa qui: Pensione Quota 41 con Caregiver, anche se il familiare lavora?

Contributi versati non sufficienti alla pensione, sono restituiti?

Cosa fare se i contributi versati all’INPS sono troppo pochi e non danno diritto all’accesso ad una prestazione pensionistica? E’ possibile versare i contributi mancanti con l’autorizzazione ai volontari? Esistono forme pensionistiche con meno di 10 anni di contributi? E, in ultima analisi è possibile chiedere all’INPS la restituzione dei contributi versati? Pensione con 10 anni di contributi o senza diritto: è possibile il rimborso dei contributi?

Pensione a 59 anni: ecco di cosa si tratta

Pensione anticipata a 59 anni di età non è una cosa impossibile, infatti esiste la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata che lo permette se il lavoratore si trova in particolari condizioni. Leggi tutte le alternative in quest’articolo: In pensione a 59 anni: quale prepensionamento spetta?

Tutti i modi per andare in pensione

Approfittando di un quesito posto da una nostra lettrice in difficoltà cogliamo l’occasione per riproporre la lista completa di tutte le misure attualmente in vigore per poter accedere alla pensione. Leggi qui la notizia completa: Tutti i modi per andare in pensione attualmente in vigore

Conto corrente

Conto Corrente – È nata Illimitybank.com, una banca del gruppo guidato da Corrado Passera, che durante la presentazione ha definito il full digital un modello da sviluppare senza dubbi con più di 15 milioni di italiani che utilizzano conti online ma ancora non sono passati al digital only. Passera dice che: “Talvolta succede che in un settore cambia tutto, così è stato per le banche e ciò implica grandi rischi per le banche tradizionali che non cambiano, ma anche grandi opportunità da raccogliere abbracciando nuovi modelli”. Leggi qui tutte le informazioni: Conto corrente: la nuova banca “IllimityBank.com” con zero sportelli e zero costi

Tassa sui prelievi banca

Per combattere l’evasione fiscale  Confindustria ha esposto una proposta che penalizza chi preleva contanti e incentiva l’utilizzo della moneta elettronica. La proposta consiste nel tassare i prelievi bancomat del 2% per ogni prelievo che superi la soglia dei 1.500 euro mensili, e contemporaneamente introdurre un bonus del 2% per chi utilizza nei pagamenti la carta di credito o il bancomat, combattendo, così, l’evasione fiscale. Tale proposta non è ben vista da molti cittadini, commercianti ed anche politici. Leggi qui la notizia completa: Tassa sui prelievi bancomat: contro l’evasione fiscale ecco la proposta di Confindustria

Visita fiscale

Esonero delle fasce di reperibilità della visita fiscale nel caso di patologia invalidante uguale o superiore al 67 per cento. L’INPS ha chiarito che possono essere esonerati dalle fasce di reperibilità i lavoratori che si trovano in uno stato  patologico connesso alla situazione di invalidità già riconosciuta maggiore o uguale al 67%.

Leggi qui la notizia completa: Visita fiscale e fasce di reperibilità: ecco cosa deve indicare il medico nel certificato per l’esonero

Assegni familiari (ANF)

La domanda degli assegni familiari (ANF) deve essere inoltrata telematicamente all’Inps. Le istruzioni sono state pubblicate nella circolare Inps n. 95 del 22 marzo 2019, che precisa la decorrenza e la tempistica a partire dal  1° aprile 2019. La circolare riporta che la richiesta degli assegni familiari da parte degli aventi diritto, dev’essere effettuata telematicamente direttamente all’Inps. Nell’elaborazione della pratica l’ente individuerà gli importi giornalieri e mensili teoricamente spettanti in riferimento alla tipologia del nucleo familiare e del reddito conseguito negli anni precedenti. Al richiedente saranno inviate solo le comunicazioni di rigetto pratica. Leggi la notizia completa qui: Assegni familiari (ANF), la conferma arriva tramite posta?

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062