Spesometro: vanno inserite tutte le bollette? Chiarimenti dell’Agenzia, scadenza 1° ottobre

Per lo Spesometro, che ha scadenza il 1° ottobre 2018, l’Agenzia dell’Entrate con la risoluzione n.68 pubblicata il 21 settembre 2018 ha chiarito ulteriori punti al riguardo le bollette e le bollette-fatture.

Spesometro: vanno inserite tutte le bollette

Un Comune, in relazione alle bollette fatture emesse in relazione al servizio di forniture d’acqua, deputazione e servizio forniture, ha chiesto all’Agenzia dell’Entrate quali dati vanno inseriti nello spesometro 2018, in quanto per il comune tali dati non vanno inseriti.

L’Agenzia dell’Entrate con la risoluzione n. 68 pubblicata il 21 settembre 2018 ha chiarito le regole in merito all’obbligo di inserire anche i dati di bollette e fatture nelle comunicazione dati IVA.

Spesometro: chiarimenti dell’Agenzia dell’Entrate

L’Agenzia dell’Entrate ha specificato che anche le bollette emesse dal Comune, per la fornitura del servizio idrico integrato, devono essere inserite nello spesometro. Inoltre fornisce chiarimenti su quali dati vanno indicati nella comunicazione dati delle fatture emesse e ricevute.

Con l’avvicinarsi della scadenze del 1° ottobre 2018 dell’invio dello spesometro del II trimestre dell’anno, quindi l’Agenzia ha chiarito che anche le bollette-fatture ai sensi del decreto del Ministero delle Finanze 24 ottobre 2000, n. 370, che riguardano la fornitura di acqua, depurazione e servizio di fognatura vanno inserite nella comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute.

Un comune non riteneva di dover inserire le bollette fatture nello spesometro, richiamando a suo favore ciò che è previsto del D.M. n. 370 del 2000 che non considera questi documenti fatture ai sensi dell’articolo 21 del DPR 633/1972, ma bollette-fatture emesse ai sensi dell’articolo successivo e in quanto tali non soggette all’obbligo di trasmissione della comunicazione dati delle fatture emesse e ricevute.

L’Agenzia delle Entrate, invece, ha chiarito che le bollette emesse per l’addebito relativo alla somministrazione di acqua, gas, energia elettrica, sono fatture e devono essere considerati tali sotto ogni aspetto.

Spesometro 2018 proroga al 6 aprile

Sspesometro: le bollette emesse dalla PA nei confronti dei soggetti passivi IVA

L’Agenzia delle Entrate sottolinea, quindi, che le fatture e le bollette sono due documenti simili e quindi ciò non fa scattare l’esonero dall’obbligo di comunicazione dei dati nello spesometro.

Ecco cosa stabilisce l’articolo 21 del decreto-legge n. 78 del 2010 – come sostituito dall’articolo 4, comma 1, del decreto-legge n. 193 del 2016:

“in riferimento alle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto effettuate, i soggetti passivi trasmettono telematicamente all’Agenzia delle entrate, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre, i dati di tutte le fatture emesse nel trimestre di riferimento, e di quelle ricevute e registrate ai sensi dell’articolo 25 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ivi comprese le bollette doganali, nonché i dati delle relative variazioni”.

Quindi da quello che si evince, ai sensi della norma sopra citata, tutti i soggetti IVA sono obbligati a comunicare i dati delle fatture emesse e ricevute anche nei confronti di soggetti privati.

Bisogna far presente che il DL 148/2017 all’articolo 1-ter ha introdotto alcune semplificazioni sullo spesometro. È stato stabilito che le pubbliche amministrazione sono esonerate dalla trasmissione dei dati delle fatture emesse nei confronti dei consumatori finali, ma l’Agenzia dell’Entrate con la risoluzione n.68  del 21 settembre 2018 ha chiarito che i Comuni sono obbligati ad inserire nello spesometro i dati delle bollette-fatture emesse nei confronti di soggetti passivi IVA.

Spesometro, le nuove scadenze del 2018 in attesa dell’abolizione, tutte le novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.