Stipendi scuola: cedolino di marzo più “leggero”, ecco il perché

-
04/03/2020

Ecco le informazioni sullo stipendio di marzo del personale scolastico e il motivo del “ribasso” dell’importo

Stipendi scuola: cedolino di marzo più “leggero”, ecco il perché

Sul sito NoiPA si possono già controllare gli stipendi. Infatti, il personale scolastico ha già notato che il cedolino di questo mese sarà più “leggero”. Vediamo il perché.

Stipendi scuola: tasse regionali e tasse comunali

I dipendenti della scuola già dal 2 marzo possono controllare il cedolino del mese collegandosi al sito NoiPA. Il cedolino in formato elettronico, come quello cartaceo, contiene tutte le voci che riguardano il pagamento e le trattenute che “tassano” lo stipendio dei lavoratori dipendenti. La pubblicazione del cedolino, però, sarà disponibile per essere eventualmente stampato dal 18 marzo; mentre, l’accredito dello stipendio è previsto per il 23 marzo.

Leggendo il cedolino, si nota che per il mese di marzo lo stipendio sarà più basso. Questo perché da marzo a novembre vengono applicate le addizionali regionali e comunali. Ma di cosa si tratta? Queste trattenute diverse per ogni Regione e comune, avvengono su base periodica con delibera regionale e comunale. Le addizionali sia regionali che comunali sono quote aggiuntive di imposta calcolate sulla stesso imponibile dell’IRPEF base e applicate in base al comune e alla Regione di residenza. L’addizionale regionale viene calcolato sul reddito complessivo imponibile e versato entro il 31 dicembre dell’anno di riferimento. L’addizionale comunale, invece, è l’imposta dovuta dai cittadini percettori di reddito imponibile in favore del proprio comune. Insomma, sono tenuti al pagamento delle addizionali tutti quei soggetti obbligati a l pagamento dell’IRPEF.


Leggi anche: Assicurazione RC Auto e Moto: verso lo stop della sospensione

Per controllare in anticipo il cedolino dello stipendio su NoiPA, è necessario accedere al sito con le credenziali di accesso, consultare la pagina dei pagamenti e scegliere il mese di riferimento.

Emissione e esigibilità degli stipendi: differenze

Un’altra importante differenza che riguarda gli stipendi del personale dipendente è tra emissione ed esigibilità, illustrata bene da un’iconografica sul sito NoiPA. L’emissione rappresenta tutte le informazioni utili raccolte da NoiPA per elaborare il pagamento. L’esigibilità, invece, corrisponde alla data di accredito del pagamento presso l’istituto di credito del dipendente. Ovvero, l’importo finale dovuto e il pagamento effettivo dello stipendio.

Leggi anche: Coronavirus, stipendio assicurato per chi è in quarantena, ecco quando