Stop ai call center e alle chiamate indesiderate anche sui telefoni cellulari

-
18/01/2020

Stop alle chiamate indesiderate, dopo la telefonia fissa tra poco anche sui cellulari.

Stop ai call center e alle chiamate indesiderate anche sui telefoni cellulari

Dopo che il problema sembra essere risolto per la telefonia fissa si dovrebbe risolvere per fine anno anche per i telefonini cellulari, tutto questo per evitare il marketing selvaggio.

Presto anche sui cellulari non arriveranno più le telefonate indesiderate del telemarketing selvaggio

Tra poco il telemarketing selvaggio avrà fine anche sui telefonini cellulari, per alcuni è una vera persecuzione, si ricevono telefonate a tutte le ore. Quando ci sarà il prossimo consiglio dei ministri, si discuterà e si esaminerà un provvedimento con cui ci si potrà opporre alle chiamate fastidiose e indesiderate.

Dopo che si discuterà nel Consiglio dei Ministri, ci sarà una consultazione anche con l’associazione dei consumatori e gli operatori; i tempi per arrivare a questo non saranno sicuramente brevi. Si pensa e si spera che questo avvenga per la fine del 2020, per tutti quelli che vorranno fare telemarketing dovrà verificare se l’utente ha dato l’assenso per usare i suoi dati.

Per poter accedere a questo database, bisogna pagare un canone annuale sia al gestore telefonico che al Ministero dello Sviluppo.

Prima capitava molto spesso che mentre si stava a casa si veniva spesso importunati con delle chiamate in continuazione che si ricevevano per la maggior parte delle volte da operatori telefonici, a volte veri operatori telefonici, a volte truffatori.

La stessa cosa oggi accade con i telefonini, l’obiettivo è proprio evitare che accada ancora questo, ci si può trovare a lavoro, a casa, dappertutto ed essere importunati contro il proprio assenso con delle telefonate che ci importunano in continuazione. A volte addirittura a questi call center si ha a che fare con delle persone straniere che non solo si ha difficoltà a capirsi, ma a volte sono anche abbastanza scorrette e maleducate.


Leggi anche: Pensione di reversibilità e convivenza: indispensabile l’unione civile