Taglio cuneo fiscale, spetta anche ai pensionati?

-
16/08/2020

Il taglio del cuneo fiscale, essendo applicato anche ai redditi assimilati al lavoro dipendente, spetta anche ai pensionati?

Taglio cuneo fiscale, spetta anche ai pensionati?

Il taglio del cuneo fiscale è stata una delle piacevoli novità intervenute nel corso del 2020, un anno sicuramente molto difficile dal punto di vista finanziario per gli italiani, e che ha portato proprio con le buste paga di questo mese, una boccata di ossigeno agli italiani provati dalla crisi economica che è seguita all’inizio dell’emergenza sanitaria (non ancora conclusa).

Il taglio del cuneo fiscale spetta in misura di 100 euro al mese per i redditi compresi tra gli 8000 euro e i 28 mila euro. In misura gradualmente ridotta, a partire dagli 80 euro, per i reddito compresi tra 28 mila e 40 mila euro annui.

Si tratta, quindi, di un beneficio che porta ad una riduzione dell’Irpef pagato che è stato riconosciuto a partire dal mese di luglio ad una platea di lavoratori abbastanza ampliata, rispetto a coloro che percepivano il bonus 80 euro in busta paga (bonus Renzi).

Ma chi sono i beneficiari del cuneo fiscale? Un lettore scrive per chiedere: Buongiorno, volevo chiedere, se il governo deciderà anche di dare il cuneo fiscale ai pensionati ? Come promise un po di tempo fa il ministro all’economia Gualtieri . Grazie 

Beneficiari taglio cuneo fiscale

I beneficiari del taglio del cuneo fiscale sono tutti coloro che percepiscono redditi da lavoro dipendente o redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente con l’esclusione delle pensioni di ogni genere e degli assegni ad esse equiparati.

Ad essere esclusi dal beneficio del taglio del cuneo fiscale, quindi, sono tutti i titolari di redditi da pensione, i lavoratori dipendenti o assimilati con redditi inferiori a 8174 euro l’anno (i cosiddetti incapienti che non sono chiamati a versare tasse sui redditi da lavoro, e di consguenza non hanno diritto al taglio dell’IRPEF perchè non lo pagano), i lavoratori autonomi, i collaboratori con ritenuta di acconto, i liberi professionisti con partita Iva.

Anche se il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a gennaio aveva annunciato “In prospettiva contiamo di coinvolgere anche i pensionati nella riduzione dell’Irpef. Confidiamo di continuare questo dialogo con il sindacato. Nei prossimi giorni ci sarà un proseguimento dei tavoli su pensioni, investimenti e mezzogiorno”, questo coinvolgimento auspicato non ha ancora trovato applicazione.

Ciò non toglie, però che in un futuro, più o meno distante, il taglio del cuneo fiscale possa essere esteso anche ai pensionati.