Tassi bancari negativi: facciamo chiarezza

-
25/10/2019

Tassi di interesse negativo che potrebbero applicare le banche sui conti correnti da cosa derivano?

Tassi bancari negativi: facciamo chiarezza

Dopo l’annuncio che Unicredit applicherà i tassi bancari negativi su alcuni conti correnti dei propri clienti (si parla dei conti con depositi superiori ai 100mila euro) l’apprensione di molti nostri lettori sta crescendo al punto che in diversi ci hanno scritto per chiederci un chiarimento al riguardo. Un nostro lettore ci ha chiesto: Tassi negativi??? Mi interessa l’argomento sui tassi bancari negativi.

Tassi bancari negativi

L’indicazione di Jean Pierre Mustier, amministratore delegato di Unicredit, di applicare anche ai clienti i tassi di interesse negati ha fatto discutere ma non può certo essere considerato un fulmine a ciel sereno visto che in Svizzera e Danimarca già si applica.

Viene definita una tassa sui depositi anche se viene limitata soltanto ai conti correnti con elevata giacenza, è di difficile realizzazione in Italia, soprattutto in tempi brevi.

Le indicazioni di Mustier, tra l’altro, sono state fatte a nome dell’Ebf e non di Unicredit, non dovrebbero far paura nel breve termine. In Italia, infatti, non si parla ancora di applicare i tassi negativi ai conti correnti dei clienti che, tra l’altro, da diversi anni hanno un rendimento pari allo zero se non vincolati.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere

Perchè sembra di difficile applicazione questa misura nel nostro paese? La cosa metterebbe in difficoltà le banche e i clienti, ma anche le imprese e il territorio e a trarne beneficio sarebbe unicamente Poste Italiane che sarebbe pronta a raccogliere i clienti in fuga dalle banche.

L’ipotesi, quindi, al momento appare ancora molto lontana nella realizzazione anche se l’indicazione di Mustier ha scatenato il panico tra i clienti di Unicredit.

Tassi di intersse negativo: perchè?

A cosa si riferisce Mustier quando parla dell’applicazione dei tassi di interesse negativo ai conti correnti con depositi superiori a 100mila euro? Da dove derivano i tassi negativi?

La BCE, per incentivare la banche a prestare i soldi ai clienti, applica tassi di interesse negativi al denaro che le banche depositano in BCE (denaro non prestato, quindi). La proposta è di applicare i tassi negativi applicati dalla BCE ai clienti con giacenze più alte per recuperare quanto perduto. Al momento questa politica in Italia non si applica ma le indicazioni di Mustier hanno creato qualche preoccupazione.