Testamento speciale: ecco cos’è e chi può farlo

-
05/09/2018

Testamento speciale, tutte le informazioni utile e cosa bisogna sapere per redigerlo.

Testamento speciale: ecco cos’è e chi può farlo

Prima di tutto, bisogna sapere che il testamento è un documento con il quale una determinata persona lascia i suoi beni materiali dopo il suo decesso.

Il testamento speciale è un atto particolare che viene elaborato in contingenze speciali oppure di episodi emergenza, in cui non è possibile comporre il testamento nelle sue forme richieste dalla legge.

Il testamento speciale è un atto temporaneo, perde la sua efficacia dopo tre mesi, la sua durata non è a tempo indeterminato.

Quando è consentito fare il testamento speciale?

Il testamento speciale è consentito quando ci si trova in determinate situazione, ad esempio quando una  persona si trova in condizioni di affrontare una malattia contagiosa, oppure è intrappolato nelle situazioni di calamità pubbliche o vari infortuni.

Il testamento speciale potrebbe essere fatto se la persona interessata è un militare, se si trova a bordo di una nave oppure a bordo di un aeromobile.

Testamento in regime speciale quando si tratta di una malattia contagiosa, calamità pubbliche oppure vari infortuni

Il testamento speciale viene fatto se l’interessato si trova in una zona a rischio, in poche parole, se si trova in una zona con alto rischio di contagiare una malattia, oppure una zona soggetta a varie calamità naturali o infortuni. Il testamento speciale si fa solo ed esclusivamente quando non sia in grado di rispettare le forme ordinarie che richiede la legge.

Come si redige un testamento speciale?

Prima di tutto bisogna recarsi da un notaio autorizzato, da un Giudice di pace della zona, il Sindaco del comune dove vi trovate oppure recarsi da un Ministero di culto.

Il secondo passo per formalizzare questo documento è quello di proccurarsi ben 2 testimoni, che devono avere almeno 16 anni di età.

Attenzione! Dopo 3 mesi dal redatto documento perde il suo valore, inoltre se nell’arco di 3 mesi la persona che ha fatto il testamento speciale muore, il notaio, il giudice di pace, il sindaco oppure il ministro di culto, che è stato testimone al rispettivo atto, ha il dovere di recarsi all’archivio notarile e depositarlo.

testamento speciale: come farlo?Testamento speciale per chi si trova a bordo di una nave, o a bordo di un aeromobile


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Il testamento speciale potrebbe essere redatto, quando la persona che desidera farlo si trova a bordo di una nave, un’aeronave oppure è militare. In questi casi bisogna rivolgersi al comandante dell’imbarcazione, dopodiché trovarsi due testimoni anche se sono passeggeri della stessa nave, o aeromobile. I testimoni che assistano quando si fa il testamento speciale, devono aver compiuto i 18 anni di età anagrafe.

Leggi anche: Testamento biologico: ecco come scrivere il biotestamento

Se per qualche ragione il testatore oppure i testimoni non possono firmare l’atto, il Comandante ha l’obbligo di specificare il motivo della mancata firma. Se invece manca la firma del testatore è non viene specificato il motivo, il testamento speciale non ha nessun valore.

Durante la navigazione, il Comandante dovrà conservare il documento tra i suoi documenti di bordo. Se entro 3 mesi non viene rifatto il testamento nelle sue forme ordinarie, cosi come prevede la legge, il testamento speciale perde del tutto il suo valore.

Per quanto riguarda il testamento speciale richiesto da un militare è previsto solo in questi casi:

L’interessato deve trovarsi in un’area di operazioni belliche, sono prigionieri presso il nemico, oppure si trovano in difficoltà assoluta di poter comunicare fuori dalla zona.

In questi casi, chi desidera fare il testamento speciale, deve recarsi ad un ufficiale, un cappellano militare oppure un ufficiale della Croce Rossa. Anche in questo caso, per poter fare il testamento speciale servono due testimoni con l’età minima di 18 anni. Subito dopo che l’interessato ha firmato l’atto, insieme ai testimoni, il documento deve essere portato al quartier generale.

È il compito del quartier generale di trasmettere poi il documento al Ministero competente, dopodiché provvederanno a far arrivare il seguente testamento all’ultima residenza del testatore. Anche in questo caso si deve procedere entro 3 mesi, il testamento ordinario come prevede l’articolo 617, 2° comma, cod. civ.


Potrebbe interessarti: TIM, offerta imperdibile per bonus 500 euro: Oltre al tablet si potrà scegliere anche il PC

Legge sul biotestamento: testo completo