TFR errori per i dipendenti di Poste Italiane, modulo rimborso

TFR con errori per i dipendenti di Poste Italiane. Ecco il modulo in pdf da inviare all’Agenzia delle Entrare per richiedere il rimborso.

Il Trattamento di fine rapporto (TFR) per i dipendenti di Poste Italiane è diventato un vero incubo, sono stati riscontrati degli errori sostanziali nel calcolo. In allegato il modulo per richiedere il rimborso di quanto già pagato ingiustamente.

TFR per i dipendenti dei Poste Italiane e richiesta di modulo per chi ha già pagato

Spett.Direttore, sono un ex dipendente postale e mi trovo nella stessa situazione di TANTI ex a cui l’agenzia delle entrate ha chiesto il pagamento, tramite F 24 che  ho terminato di pagare a luglio 2018, la somma era di euro 740 che ho rateizzato in 8 rate trimestrali.
Le chiedo come e cosa posso fare per ottenere il rimborso, perché non so a chi rivolgermi. Grazie

Modulo rimborso TFR

Abbiamo trattato l’argomento nell’articolo: TFR o buonuscita, errori per i dipendenti di Poste Italiane con “disparità di trattamento”

La Sip-Cisl ha messo a disposizione un fac simile di domanda di rimborso per chi ha già pagato, è possibile scaricare qui il modulo in pdf: F.-Istanza-di-rimborso-IRPEF-a-tassazione-separata-Per-chi-ha-gia-pagato

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”