Ticket non pagati: in arrivo la stangata con avvisi bonari

-
01/09/2019

In arrivo una stangato per gli abitanti della Regione Lazio ce hanno fruito dal 2011 al 2018 dell’esenzione ticket senza averne diritto.

Ticket non pagati: in arrivo la stangata con avvisi bonari

100 milioni di euro in avvisi bonari, per la regione Lazio, per la riscossione coattiva a degenti e pazienti che non avevano diritto alla fruizione dell’esenzione del ticket e ne hanno, invece, fruito. Gli avvisi bonari si riferiscono a coloro che hanno effettuato false o errate dichiarazione di esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per reddito e a coloro che ne hanno fruito in maniera indebita tra il 2011  e il 2018.

Stangata ticket non pagati

Gli avvisi bonari, quindi, non arriveranno solo a coloro che hanno autocertificato per dolo l’esenzione del ticket, ma anche a coloro che lo hanno fatto per errore fruendo negli ultimi 8 anni di esenzione del ticket per visite specialistiche, esami diagnostici e ricette farmaceutiche.

L’incasso previsto per la regione è di circa 100 milioni di euro. La regione Lazio, infatti, sta per inviare 65mila cartelle contenenti gli avvisi bonari.

“Accedere a prestazioni sanitarie con esenzioni senza essere effettivamente in possesso dei requisiti è una svista che può capitare a chiunque – sottolinea Sara Treu, direttore dell’unità Negoziazione e acquisto prestazioni sanitari e sociosanitarie del dipartimento per la Programmazione, accreditamento, acquisto delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie di Ats Bergamo – ciò che conta è verificare e accorgersene per tempo. Solo così ci si può rimettere in regola evitando di intercorrere negli interessi”.


Leggi anche: Fondo perduto 2021, pagamenti al via per la seconda e ultima tornata: coinvolti 1 milione di beneficiari

Per approfondire leggi anche: Esenzione ticket sanitario 2019, chi può richiederla: ecco tutte le novità