Uso del contante: pagamento busta paga, pensione e viaggi all’estero, novità dal 1 luglio

Come cambiano i pagamenti dal 1 luglio 2018: pensioni, stipendi e viaggi all’estero.

Anche se la novità sarebbe dovuta scattare il 1 luglio, essendo caduto di domenica, di fatto inizia oggi lunedì 2 luglio, giorno da cui i datori di lavoro hanno l’obbligo di non poter pagare più le retribuzioni ai propri dipendenti  e collaboratori in contanti. Per i pagamenti  si dovranno usare solo ed esclusivamente pagamenti tracciabili (bonifici, assegni ecc). Il provvedimento non riguarda sltanto i rapporti di lavoro regolati da contratti a tempo indeterminato e determinato ma anche le collaborazioni mentre sono escluse la prestazioni occasionali e i rapporti di lavoro con la Pubbliche amministrazioni e i servizi familiari e domestici.

Le colf e le badanti, quindi, possono ancora essere pagate in contanti anche se il consiglio è sempre quello di utilizzare mezzi di pagamento tracciabili.

bonus 18 anni 500 euroPensioni

Il limite dei pagamenti sopra i 1000 euro riguarda anche i pensionati ma questa non è una novità, poichè dal 1 aprile 2012 le pensioni di importo superiore a 1000 euro non possono più essere pagate in contanti e devono essere accreditate su un cc bancario o postale o su un libretto di risparmio o una carta prepagata.

Viaggi all’estero

Uscire dall’Italia portando denaro contante è vietato così come è vietato rientrarvi per importi superiori a 10mila euro. In questi casi è necessario rendere delle apposite dichiarazioni valutarie alla dogana.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.