Vendita diretta: Il business del futuro?

La vendita diretta è una forma di vendita effettuata presso i clienti finali, siano essi privati o aziende, sarà il business del futuro?

Quando sentiamo parlare di vendita diretta, la nostra mente ci propone l’immagine della classica riunione dove vengono presentati i prodotti più variegati: dalle pentole, ai prodotti cosmetici, passando per aspirapolveri e frullatori megagalattici. Ma, fantasie a parte, in cosa consiste la vendita diretta?

Cos’è la vendita diretta?

bussinessLa vendita diretta è una forma di vendita effettuata presso i clienti finali, siano essi privati o aziende.

Una specifica branca della vendita diretta è quella effettuata presso il domicilio dei consumatori. Il fenomeno, come vedremo , è tutt’altro che marginale e propone fatturati in costante aumento, nonostante la crisi. Questo settore, in rapido aumento, è supportato da associazioni che legano insieme le varie aziende di vendita diretta, raccogliendo continuamente dati, statistiche, diffondendo quei principi, valori , metodologie e normative con il fine ultimo di rafforzare ed incrementare il settore nel rispetto del consumatore. Le associazioni più note sono Avedisco e Univendita.

l’Avedisco è la prima storica associazione in Italia che rappresenta le aziende operanti nel settore della vendita diretta, fondata nel 1969. Raccoglie dati,statistiche, organizza convegni ed eventi, per migliorare ed ottimizzare il settore.

Univendita è più recente. Nata nel 2010 con lo scopo di raggruppare le aziende operanti nel settore della vendita diretta , si pone come punto di riferimento del settore per consolidare la credibilità e la reputazione della vendita diretta, offrendo nel contempo alle imprese validi strumenti per rinnovarsi e sostenere le sfide che il mercato offre.

Dati e statistiche del fenomeno

Il fatturato delle aziende Avedisco è stato nel 2017 di circa 703 Milioni di euro, con un incremento del 9% rispetto all’anno precedente con picchi nel settore Alimentare/Nutrizione dell’11,50% . Anche gli incaricati alle vendite sono aumentati, 250 mila nel 2017 contro i 238 mila del 2016, con un incremento del 5%.

Similmente sbalorditivi sono i dati offerti da Univendita, che a febbraio 2018 ha presentato il resoconto del 2017, con un incremento dell’1,8% delle imprese associate pari ad 1 Miliardo e 600 milioni di euro, centrando così un risultato di crescita per l’ottavo anno consecutivo, in barba alla recessione globale. Dato ancor più incredibile è che la vendita diretta supera in crescita (1,8%) il commercio fisso al dettaglio(0,2%) la grande distribuzione (1,4%) e la piccola vendita dei piccoli esercizi commerciali (- 0,8%) fungendo di fatto da traino per tutto il settore commerciale.

Aumento significativo sono gli incaricati alla vendita cresciuti dell’1,3% rispetto all’anno precedente.

L’Italia,grazie al suo fatturato si colloca al 4° posto in Europa e al 12° posto nel Mondo.

Storie di vendita vissuta

Lasciare il posto fisso per entrare nel mondo delle vendite? Sembra quasi un’eresia ma sono le storie di alcuni “maestri” o campioni di vendita, raccolte e racchiuse nei vari volumi pubblicati da Univendita: “Storie di vendita vissuta” e “il libro degli oscar della vendita 2017” . Sono tante le storie straordinarie di persone ordinarie.

C’è Marco di Belluno, che nel 1990 ha lasciato il suo sicuro posto in fabbrica per provare una strada nuova più soddisfacente, 27 anni dopo è candidato agli oscar della vendita 2017 .

Mirko Bertoncini è un ex calciatore. Ha fatto tutta la trafile delle giovanili nell’Empoli. Dopo l’Empoli ha girovagato un pò per tutta Italia fino ad arrivare a Sarzana dove ha conosciuto la moglie, ed entrando in Folletto grazie al suocero che ivi lavorava da 33 anni. Si è dimostrato un autentico portento riuscendo a piazzare quasi 3,000 apparecchi in due anni , risultati che lo hanno incoronato miglior venditore porta a porta nel 2018, e facendolo entrare nella top ten degli oscar delle vendite 2017.

Raffaella Bompani era una veterinaria, ma ad un certo punto sentì di non avere più passione per il suo lavoro, fino a quando non entrò in contatto con cartorange diventando una delle migliori consulenti di viaggio della sua azienda.

Katia Marcomini era una mamma a tempo pieno, con un passato nel ramo alberghiero, Quando ha abbracciato per curiosità l’idea commerciale del Bimby a marchio Vorwerk diventando con tenacia, passione e costanza una ottima professionista. Con la sua esperienza ha elaborato la propria filosofia commerciale la quale afferma che la vendita diretta è il miglior sistema di vendita poichè il cliente tocca con mano il prodotto , ne apprezza le qualità ed ha il supporto costante di un consulente esperto. Dunque siamo sicuri che una carriera al di fuori del posto fisso sia un miraggio irraggiungibile?

Fabio Lisio

Mi chiamo Fabio, ho 23 anni. Studente universitario, sono una persona molto curiosa di tutto ciò che mi circonda. Appassionato di scienza, viaggi, lingue e culture straniere. Sono alla mia prima esperienza di "penna". Un proverbio giapponese racchiude la mia personalità "Cadere sette volte, rialzarsi l'ottava".