Versamento ritenute fiscali con F24 separati per lavoratore, le novità

-
23/12/2019

Novità sul versamento ritenute fiscali con il modello F24 separati per ciascun lavoratore impiegato nell’appalto.

Versamento ritenute fiscali con F24 separati per lavoratore, le novità

Novità sul versamento ritenute fiscali con il modello F24 separati per ciascun lavoratore impiegato nell’appalto. Nel D.L. 124/2019 è stata operata la sostituzione dell’art. 4 dalla legge di conversione, con questa modifica viene eliminato l’obbligo per il committente di versare direttamente le ritenute. Resta fermo l’obbligo per il committente di accertare che la società che esegue i lavori versi regolarmente le ritenute fiscali operate a carico dei lavoratori impegnati nell’appalto.

Versamento ritenute con F24 e verifica

Per poter effettuare la verifica, la ditta appaltatrice deve versare le ritenute fiscali con modelli F24 separati per ciascun lavoratore impiegato nell’appalto e tramettere nel periodo temporale di cinque giorni dalla scadenza prevista per il versamento, le quietanze di pagamento al committente. Alle quietanze deve essere allegato un elenco completo di tutti i lavoratori impegnati nell’appalto, inoltre, bisogna indicare i dati dell’attività prestata: ore lavorate, retribuzione e ritenute fiscali operate.

Gli obblighi di controllo in capo ai committenti riguardano i contratti di appalto superiori a 200.000 euro.

Gli adempimenti sono in vigore dal 1° gennaio 2020 e vista la complessità delle operazioni, le associazioni di imprese hanno chieste un rinvio della normativa.

Stretta sulle compensazioni con F24, aumento della sanzione, le novità


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero