Versamento tassa libri sociali 2018 entro il 16 marzo

-
13/03/2018

Versamento della tassa libri sociali entro il 16 marzo, importi e soggetti obbligati.

Versamento tassa libri sociali 2018 entro il 16 marzo

Le società di capitali entro il prossimo 16 marzo 2018, sono tenute al versamento della tassa annuale per la vidimazione dei libri sociali. L’importo dovuto è collegato all’ammontare del capitale sociale alla data dell’1.1.2018.

Società che devono pagare la tassa dei libri sociali

Tutte le società di capitali (spa, srl e sapa),  anche le società a responsabilità limitata semplificata, devono versare la tassa annuale per la vidimazione dei libri sociali.

Come precisato nella CM 3.5.96, n. 108/E sono obbligate al versamento anche le società in liquidazione ordinaria e le società sottoposte a procedure concorsuali, sempreché permanga l’obbligo della tenuta dei libri da vidimare nei modi previsti dal Codice civile.

In caso di trasferimento della sede sociale nella circoscrizione territoriale di competenza di un altro Ufficio dell’Agenzia delle Entrate dopo aver versato la tassa annuale, la società non è tenuta ad un ulteriore versamento in quanto non è necessaria una nuova vidimazione dei libri.

Relativamente ad una società costituita a fine 2017 (ad esempio, in data 16.11.2017) con chiusura del primo esercizio il 31.12.2018, si ritiene che la tassa in esame sia dovuta per anno e non per periodo d’imposta. Ne consegue che, in sede di costituzione, la società ha versato la tassa (dovuta) per il 2017 ed entro il 16.3.2018 dovrà versare quanto dovuto per il 2018.

Soggetti esonerati dalla tassa libri sociali

Sono esonerati dal pagamento della tassa in esame i seguenti soggetti:

Società cooperative e di mutua assicurazione; in sede di vidimazione dei libri / registri da parte di una cooperativa / mutua assicuratrice è dovuta la tassa di concessione governativa pari a € 67 per ogni 500 pagine (o frazioni di 500 pagine). Ciò è richiesto anche in caso di vidimazione (eventuale) di un libro sociale (ad esempio, libro decisioni soci) da parte di una società di persone.

Consorzi che non assumono la forma di società consortili (RM 10.11.90, n. 411461).

Società di capitali dichiarate fallite (ordinanza Tribunale di Torino 19.2.96), in quanto il curatore è obbligato alla tenuta delle scritture previste dalla Legge Fallimentare, che devono essere vidimate dal Giudice Delegato “senza spese”.
Società sportive dilettantistiche costituite in forma di società di capitali senza scopo di lucro affiliate ad una Federazione sportiva nazionale, ad una disciplina sportiva associata o ad un Ente di formazione sportiva a condizione che il relativo atto costitutivo sia conforme a quanto prescritto dalla Legge n. 289/2002.

Pertanto se tali soggetti non devono assolvere la tassa di C.G. in sede di vidimazione, gli stessi non sono neppure tenuti al versamento (forfetario) annuale.

La tassa annuale sostituisce la tassa di concessione governativa per la vidimazione dei libri sociali (libro assemblee soci, libro decisioni Consiglio di amministrazione, ecc.); è deducibile ai fini IRES / IRAP ed è dovuta in misura forfetaria, indipendentemente dal numero di libri o pagine utilizzati nell’anno.

Importo da versare

L’importo da versare è differenziato in base all’ammontare del capitale sociale / fondo di dotazione della società risultante all’1.1 dell’anno per il quale si effettua il versamento. Per il versamento 2018 (in scadenza il 16.3.2018) va fatto riferimento al capitale sociale / fondo di dotazione all’1.1.2018 e quindi quanto dovuto è così individuato.


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Capitale sociale / fondo di dotazione all’1.1.2018                             Tassa annuale dovuta

inferiore o pari a € 516.456,90                                                                     euro 309,87

superiore a € 516.456,90                                                                               euro 516,46

Eventuali variazioni del capitale sociale / fondo di dotazione successive all’1.1.2018 non assumono alcuna rilevanza (le stesse avranno effetto su quanto dovuto per il 2019).

Modalità di pagamento

Il versamento va effettuato tramite il mod. F24 e può essere compensato con eventuali crediti disponibili. In particolare, nella Sezione “Erario” vanno riportati i seguenti dati.

Codice tributo “7085”
Anno di riferimento “2018”

In sede di vidimazione dei libri al Notaio / Registro delle Imprese va esibita la prova dell’avvenuto pagamento della tassa in esame.

Le società di capitali costituite successivamente all’1.1.2018 sono tenute a versare la tassa annuale di euro  309,87 oppire euro 516,46, esclusivamente mediante bollettino di c/c/p n. 6007, intestato all’Ufficio delle Entrate – Centro Operativo di Pescara.

Approvati i modelli Redditi 2018, pronta la nuova modulistica