Visita fiscale e fasce di reperibilità da rispettare, il citofono non funziona sono giustificato?

-
11/10/2019

Visita fiscale e fasce di reperibilità da rispettare, se il citofono non funziona correttamente, sono giustificato per l’assenza?

Visita fiscale e fasce di reperibilità da rispettare, il citofono non funziona sono giustificato?

Succede sempre più spesso i casi in cui il lavoratore non risulta reperibile alla visita fiscale dal medico di controllo inviata dall’Inps. Ricordiamo che il lavoratore (settore pubblico e privato) è obbligato a rispettare le fasce di reperibilità. Un lettore che ci segue su WhatsApp ci chiede: Buonasera, in malattia il citofono non funziona bene, spiego a tratti suona tratti no, che posso fare per la visita fiscale? Grazie.

Visita fiscale e citofono non funzionante

Quando il lavoratore non è reperibile alla visita di controllo del medico inviato dall’Inps, è chiamato a giustificare alla sua assenza.

In merito si è espressa la Cassazione con la sentenza n. 9523/1993, la quale esamina la giustificazione per ipoacusia (scarso udito) e mal funzionamento del citofono.

La Cassazione precisa che il lavoratore è tenuto ad adottare accorgimenti che rendano possibile la visita fiscale. I giudici chiariscono che se il lavoratore non applica gli accorgimenti dovuti affinché il citofono funzioni correttamente, egli risponde per incuria e negligenza.

Questo significa che il lavoratore in malattia, deve verificare che il citofono funzioni correttamente, in caso che non è riuscito a renderlo funzionante, può lasciare un biglietto sul portone per il medico o lasciare il portone aperto.


Leggi anche: Bonus Irpef 100 euro 2021: perché 1,5 milioni di lavoratori rischiano la restituzione

La scusa del citofono che non funziona dalla sera alla mattina, non è valida. Spetta al lavoratore dimostrare di aver rispettato il dovere di diligenza.

Visita fiscale e fasce di reperibilità: chiarimenti su quando è possibile uscire di casa