Visita fiscale e fasce di reperibilità dopo intervento, si è esonerati

-
26/07/2019

Visita fiscale e rispetto delle fasce di reperibilità per i dipendenti pubblici e privati, dopo intervento chirurgico, ci si chiede se si è esonerati.

Visita fiscale e fasce di reperibilità dopo intervento, si è esonerati

Visita fiscale e rispetto delle fasce di reperibilità per i dipendenti pubblici e privati è un argomento molto discusso che crea molte perplessità su cosa si può fare e cosa no. Una lettrice ci chiede: Buongiorno, sono stata operata  di isterectomia  totale mi è  stato consigliato di non alzare nessun peso ma di camminare molto. Devo rispettare comunque gli orari di reperibilità  fiscale? Grazie 

Visita fiscale e malattia dopo un intervento

La normativa prevede che la malattia post operatorio è soggetta alla visita fiscale e l’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità, anche se il medico prescrive, come nel caso della lettrice, di camminare. 

L’esonero delle fasce di reperibilità è possibile solo in alcuni casi specifici, ed esattamente:

Per i dipendenti privati i casi di esonero previsti sono: patologie gravi che richiedono terapie salvavita; stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%. 

Per i dipendenti pubblici i casi di esonero sono: patologie gravi che richiedono terapie salvavita; causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della “tabella A” allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella “tabella E” dello stesso decreto; stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Visita fiscale: esonero fasce di reperibilità la malattia rientra nel comporto?