Visita fiscale e fasce di reperibilità, esonerati i possessori di legge 104?

-
04/07/2019

Visita fiscale e obbligo fasce di reperibilità per i lavoratori in malattia. Ci si chiede se anche i possessori di legge 104 devono rispettarle.

Visita fiscale e fasce di reperibilità, esonerati i possessori di legge 104?

Come più volte chiarito nei nostri articoli e anche dall’Inps, l’esonero delle fasce di reperibilità per la visita fiscale è possibile solo in alcuni casi, che si differenziano tra dipendenti pubblici e privati. Analizziamo il quesito di una nostra lettrice: Buongiorno Dott.ssa Tortora, io sono invalida al 100%, con anche L. 104. In caso di malattia sono obbligata a rispettare le fasce di reperibilità (dipendente privato), oppure sono esonerata? Grazie per suo cortese riscontro. Cordiali saluti

Visita fiscale e fasce di reperibilità per i dipendenti privati

Le fasce di reperibilità per i dipendenti privati sono:

  • mattina: dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
  • pomeriggio: dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

I lavoratori hanno l’obbligo di trovarsi presso l’indirizzo di domicilio indicato in precedenza sul certificato medico di malattia in queste determinate fasce orarie non incorrere in provvedimenti a causa della loro assenza.

Esonero per i lavoratori dipendenti del settore privato con legge 104

Possono ottenere l’esonero delle fasce di reperibilità, i lavoratori del settore privato che se si trovano nelle seguenti condizioni:

  • patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta pari o superiore al 67%

Non tutte le patologie rientrano in tale esonero delle fasce di reperibilità della visita fiscale, abbiamo racchiuso l’elenco in quest’articolo: Elenco patologie invalidanti che danno diritto all’esonero


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Quindi, le consiglio di rivolgersi dal suo medico curante, in quanto lei ha il 100 per cento di invalidità unitamene alla legge 104, con lui verificare se la sua patologia è soggetta all’esonero.

È il medico curante che certifica l’esonero barrando la casella “invalidità” del certificato di malattia telematico e specificando nelle note la motivazione dell’esonero.